Home

Italia Under 21: debacle con la Spagna, 1-3 al Franchi

 La Spagna si conferma sempre più dominatrice indiscussa del calcio del vecchio continente.

Nell’amichevole di lusso, disputata tra “le furie rosse” e gli uomini di Mangia allo stadio Franchi di Siena, gli ospiti hanno portato a casa un risultato rotondo che non rende a pieno la realtà, specie per quello che l’Italia ha espresso nella seconda frazione di gara.

LE FORMAZIONI

Italia U21 (4-4-2):Bardi; De Sciglio, Capuano (25′ st Romagnoli), Caldirola, Frascatore; Sala (14′ Sansone (37′ st Sampirisi)), Marrone (25′ st Baselli), Crisetig, Saponara (44′ Donati); De Luca (1′ st Longo), Immobile (1′ st Gabbiadini). A disp.: Colombi, Perin, Barba.Ct.: Mangia.

Spagna U21 (4-2-3-1):Marino; Carvajal (13′ st Mallo), Bartra, Martinez (1′ st Nacho), Aurtenetxe; Romeu (38′ st Sergi Roberto), Koke (1′ st Illaramendi); Delofeu (13′ st Tello), Isco (38′ st Suso), Sarabia (34′ st Muniain); Rodrigo (13′ st Alvaro). A disp.: Robles. Ct.: Lopetegui.

Arbitro:Zwayer (Ger)

LA GARA. L’inizio è stato a dir poco traumatico per gli azzurrini che sono andati sotto di ben due goal: il primo ad opera di Rodrigo, che al 19’ ha sfruttato un’ottima verticalizzazione di Isco, il secondo di Dolofeu, che al 34’ ha avviato un contropiede per poi concluderlo mettendo alle spalle di Bardi. Ma l’Italia che è scesa in campo nel secondo tempo è di un’altra pasta: a metterlo in chiaro ci pensa l’attaccante dell’Espanyol, di proprietà dell’Inter, Samuele Longo, che al 57’ sfugge alla difesa spagnola, grazie ad un ottimo passaggio di Sansone, e porta sull’ 1-2 i suoi. I tanti tentativi azzurri si spengono senza successo e nel finale, al 92’, su azione fotocopia ai precedenti due goal messi a segno, la Spagna chiude i conti: Muniain serve Alvaro sullo scatto, per l’attaccante è un gioco da ragazzi mettere in rete.

COMMENTO. E’ una sconfitta che può essere considerata costruttiva per l’Italia, che è riuscita a giocarsela con una squadra sulla carta superiore, pur non avendo a disposizione l’estro di Insigne e dovendo rinunciare a Saponara e Sala nel corso della gara. Note positive sono Sansone, Longo e lo stesso Gabbiadini. L’impressione è che Mangia debba lavorare sulla fase difensiva, per ben tre volte sorpresa dalla velocità avversaria.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico