Napoli Prov.

Roghi tossici, delegazione gricignanese alla fiaccolata di Caivano

 GRICIGNANO. Domenica sera, nonostante la pioggia incessante, è successo qualcosa di incredibile, che non si era mai verificato nelle province di Napoli e Caserta.

25mila persone, dopo la messa di padre Maurizio Patriciello, hanno sfilato silenziosamente a Caivano, un paese di circa 35mila abitanti a cavallo tra Napoli e Caserta, per ricordare le vittime di tumore e leucemia della Terra dei Fuochi.

Un fiume in piena di donne, uomini e bambini che si è opposto così, sfilando in un silenzio assordante, alla logica di morte di un sistema che uccide indistintamente chiunque viva in quelle terre costrette a diventare discariche di rifiuti industriali smaltiti illecitamente.

Ognuno di loro aveva un cero in mano o un palloncino o la foto di un parente prematuramente scomparso non solo per tumore ma anche a causa di un’epidemia strana. L’epidemia del silenzio.

Dal comitato “Terra dei Fuochi” riflettono: “Non si deve avere consapevolezza di cose che sanno tutti. Non si deve essere consapevoli che nelle province di Napoli e Caserta l’aspettativa di vita è di due anni inferiore rispetto a tutte le altre province di Italia (dati Istat 2010). Non si deve sapere che la mortalità per tumori è aumentata del 47% (dati Istituto Pascale Napoli, ndr.). Non si deve sapere che nei supermercati quasi tutti cercano prodotti che non siano locali. Non si deve sapere che tutti abbiamo paura che i nostri figli e i nostri cari si ammalino”.

Alla manifestazione era presente una delegazione dell’amministrazione comunale di Gricignano. Nella foto, da sinistra, il consigliere Antonio Lucariello e l’assessore Attilio Guida.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico