Caserta

Celebrazioni nazionali in onore di Maria Cristina di Savoia

 CASERTA. L’Associazione Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia e la Pro Loco Real Sito di San Leucio sono i promotori, insieme alla Diocesi di Caserta, alla Soprintendenza per le Province di Caserta e Benevento, …

…alla Città di Caserta-Presidenza del Consiglio Comunale e alla Società Italiana dei Francesisti, delle celebrazioni, a livello nazionale, in onore di Maria Cristina di Savoia di Borbone-Due Sicilie nel Bicentenario della nascita, che si svolgeranno, in particolare, presso la Reggia di Caserta e il Real Sito di San Leucio sabato 10 novembre.

Non a caso tali sedi sono state scelte per il ricco programma di eventi: la regina, dichiarata Venerabile da papa Pio XI, madre dell’ultimo re della dinastia borbonica, ebbe una predilezione particolare per il nostro Palazzo Reale e per il Belvedere leuciano.

Pur essendo morta appena ventiquattrenne, pur essendo stata Regina delle Due Sicilie per soli quattro anni, dal 1832 al 1836, Maria Cristina è tra quelle figure elette capaci di lasciare un segno indelebile del Suo passaggio nella storia e nelle coscienze. Una donna dotata di una fede altissima in Dio, mite, umile, caritatevole eppure capace di esercitare con fermezza il potere regale in difesa dei più bisognosi, a tutela dei lavoratori, a vantaggio delle nascenti industrie meridionali, tra cui proprio la Colonia Serica di San Leucio.

Un modello di donna cristiana inserita perfettamente nel contesto sociale, la cui eredità è stata raccolta da istituzioni, come l’Associazione Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia, ancora oggi dedite alle opere di bene e alla crescita socio-culturale nel nostro Paese. Una figura che affascinò anche il laicissimo Croce, sempre critico verso i Borbone, che addirittura scrisse una biografia della “reginella Santa”, come ancora oggi Maria Cristina è ricordata dai napoletani. Perciò non meraviglia se, ad oggi, un centinaio di studiosi e fedeli della Regina hanno già prenotato, da tutt’Italia, il loro soggiorno nella nostra città per partecipare all’evento.

Ad inaugurare le celebrazioni – organizzate da Aldo Antonio Cobianchi, con il patrocinio della Regione Campania, della Provincia di Caserta e della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro e in collaborazione con la Scuola Specialisti Aeronautica Militare di Caserta – una Santa Messa sabato 10 novembre, alle ore 10, presso la Cappella Palatina della Reggia presieduta dal Vescovo di Aversa, mons. Angelo Spinillo, e concelebrata, tra gli altri, da mons. Antonio Pasquariello, Vicario Generale della Diocesi di Caserta. A seguire, grazie all’operato della Soprintendenza, l’apertura straordinaria dell’Oratorio di Maria Cristina, un piccolo spazio dedicato alla devozione privata della regina, di solito non aperto al pubblico, un gioiello dell’Appartamento Storico – Lato ‘700.

Nel pomeriggio del giorno 10 alle ore 16.30 presso il Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio, ospiti dell’Amministrazione comunale, un convegno dedicato alla Sovrana, in cui si cercherà di tratteggiare la figura di Maria Cristina da un punto di vista storico e religioso. Dopo i saluti delle autorità, l’avv. Alberto Zaza d’Aulisio, Presidente della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro, introdurrà i lavori, che avranno come moderatrice la giornalista e studiosa della storia dei Borbone Nadia Verdile.

Interverranno padre Giovan Giuseppe Califano OFM, Postulatore della Causa di Beatificazione della Venerabile; Luciano Regolo, notissimo storico e giornalista, autore dell’ultima biografia della regina; Luigi Bologna, storico delle tradizioni leuciane, anch’egli autore di un testo dedicato alla Sovrana e al Suo particolare legame con San Leucio; Vittoria Fiorelli, docente di Storia Moderna all’Università di Napoli Suor Orsola Benincasa, che ha da sempre dedicato i suoi studi alle protagoniste della storia del nostro Sud.

A cornice del convegno la mostra organizzata dalla parrocchia di San Ferdinando Re di San Leucio e la parrocchia Maria SS. delle Grazie di Vaccheria, in cui verrà esposta, tra numerosi cimeli d’epoca, la pianeta che secondo la tradizione avrebbe ricamato la regina stessa. Domenica 11 novembre, alle 10, è previsto un omaggio alle spoglie di Maria Cristina presso la Basilica di Santa Chiara in Napoli.

Nell’ambito più strettamente religioso del programma, a cura della parrocchia di San Ferdinando Re di San Leucio e della parrocchia Maria SS. delle Grazie di Vaccheria, presso la Cappella Reale di San Ferdinando Re, domenica 18 novembre verrà celebrata una Santa Messa presieduta da mons. Pietro Farina, Vescovo di Caserta; ancora, il 31 gennaio 2013, presso il medesimo sito, verrà scoperto un bassorilievo con il ritratto della Venerabile, nell’anniversario della Sua dipartita.

Numerose le scuole – tra cui l’I.S.I.S.S. “Michelangelo Buonarroti” – e le associazioni casertane che hanno aderito all’iniziativa, dal Coordinamento Associazioni Casertane, Co.As.Ca, all’UniTre, dalle locali delegazioni del Club Unesco, del Fai, dell’A.n.d.e., del Garden Club alla Commissione Cultura Centro Comunità “Caserta Città di Pace”, alla Pro Loco della Vaccheria, all’Associazione GIA.D.A..

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico