Sorrento - Vico E. - Massa Lubrense - Piano di Sorrento - Sant’Agnello - Meta

La Campania flagellata dal maltempo. Sorrento, ramo cade su una passante

 NAPOLI. E’ il vento a causare i maggiori disagi in Campania dove la Protezione Civile ha emanato un avviso di criticità per le prossime ventiquattro ore a partire dalle 8 di mercoledì mattina.

Numerose le chiamate ai vigili del fuoco, specie nel Napoletano,(Bacoli e Casoria le zone maggiormente interessate), per il distacco di pezzi di cornicione, vetri in frantumi e insegne di locali commerciali divelte. Nel capoluogo partenopeo lavoro anche per i vigili urbani che sono intervenuti per mettere in salvo alcuni alberi pericolanti nei quartieri di Fuorigrotta, Chiaia, Posillipo e Miano.

Il forte vento di scirocco forza 8 ed un mare molto mosso (forza 5-6) ha di fatto bloccato tutti i collegamenti marittimi nel golfo di Napoli. I mezzi veloci (aliscafi, jet e catamarani) non sono partiti così come i traghetti fermi in banchina. Per le avverse condizioni del mare l’isola di Procida è isolata dalla terraferma. Solo due corse di prima mattina hanno permesso a pendolari e residenti di raggiungere Pozzuoli e Napoli, poi i collegamenti sono stati interrotti. Problemi analoghi per l’isola d’Ischia: sospesi tutti i collegamenti con aliscafi e tutte le corse della Caremar con Napoli e Pozzuoli. Anche la compagnia privata Medmar ha interrotto le corse con Napoli, garantendo al momento una sola corsa di collegamento tra Pozzuoli e Casamicciola, e viceversa.

Capri è completamente isolata da martedì sera, da quando ha ormeggiato l’ultima nave della Caremar, il “Driade”, partita da Napoli alle 20.10. La tempesta che ha investito l’isola azzurra tutta la notte, con forti raffiche di vento da 35 nodi che hanno colpito in particolare il versante sud dell’isola e che hanno portato il mare a superare forza 5, ha determinato lo stop dei collegamenti marittimi. Onde altissime nella baia di Marina Piccola e ai Faraglioni: tutta la costa meridionale dell’isola del golfo di Napoli sferzata da una violenta mareggiata.

La tempesta ha lasciato fermi nel porto traghetti e aliscafi bloccando tutti i collegamenti sia con Napoli che con Sorrento. Nessun mezzo è partito dalla terraferma fino alla tarda mattinata bloccando i rifornimenti dei generi alimentari e dei beni di prima necessità.

A Sorrento, invece, una donna è rimasta ferita sotto il peso di un grosso ramo di albero cadutole addosso a causa del maltempo. La ragazza è stata ricoverata all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Sorrento, ad un primo esame non sarebbe in gravi condizioni. L’incidente è accaduto in piazza Lauro, nei pressi della sede della Deutsche Bank. La notizia ha scosso in modo particolare la cittadinanza per una sfortunata analogia. Il primo maggio del 2007, sempre a Sorrento, a causa del crollo di una gru persero la vita due donne, Claudia Morelli e Teresa Reale, che risultano imparentate con la ragazza protagonista dell’incidente di oggi. Al momento dell’impatto c’erano diverse persone in piazza: tra le urla sono partite le richieste d’aiuto e sul posto sono intervenuti subito i vigili urbani di Sorrento.

Ma non è il solo incidente accaduto a Sorrento a causa del forte vento. Tegole cadute, pezzi di cornicione staccati sono precipitati in strada, sarebbe in pericolo anche il maxi albero di Natale allestito in piazza Tasso. I vigili urbani sono intervenuti in più punti della città.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico