Aversa

Sagliocco: “Col Pdl un conflitto apparente”

SaglioccoAVERSA. “Carattere difficile”, “autoritario”, “a capo di un’amministrazione immobile”, “rapporti pessimi anche con gli alleati”.

Del sindaco di Aversa Giuseppe Sagliocco si dicono soprattutto queste cose. Per sfatare un mito, ma, soprattutto per sapere come lui effettivamente vede queste cose, gli abbiamo rivolto qualche domanda tra il personale e il pubblico.

Sindaco sceriffo, Giamburrasca, podestà? Quanto c’è di vero in questi appellativi che la stanno perseguitando in questi primi mesi di sindacatura? “Non c’è assolutamente nulla di vero. Io vorrei solo rappresentare, concretizzare gli interessi diffusi. Capita sovente che per farlo sono costretto ad essere aspro, ma non è colpa mia. Mi si descrive così ma non lo sono. Spesso sono le circostanze che ti costringono a comportarti in un certo modo. Ad esempio, premesso che in città ci sono tanti fermenti che vanno valorizzati, vorrei organizzare un Natale ad Aversa che veda insieme le varie associazioni, soprattutto dei commercianti, ma ad oggi ci sono solo contrasti e, allora, finirà che a decidere dovrò essere io. Ma ho anche buoni rapporti e serbo buoni ricordi di persone come Gerardo Di Lella o Gaetano D’Aponte, per cui non è poi vero che riesco a bisticciarmi con tutti”.

Ci riesce, però, ed anche bene, con i rappresentanti del Pdl. “Sono rapporti di conflitto apparente, ma nella sostanza i più sanno che certe cose vanno fatte e c’è disponibilità al confronto reciproco su grandi temi. Può esserci diversità di vedute su alcuni argomenti e siamo pronti al confronto al quale non mi sono mai sottratto. Questa amministrazione notifica ad ogni esponente politico istituzionale qualsiasi atti anche intermedio. Siamo trasparenti e pronti, lo ripeto a discutere, ma questo no significa rinviare le cose da fare alle calende greche”.

Dall’opposizione dicono che lei, in questi cinque mesi di amministrazione, si è limitato a fare proclami ma nulla di concreto. Cosa risponde? “Evidentemente siamo di fronte ad un’opposizione disattenta, anche se spesso sollecita ed è pronta ad interagire. Le cose da fare sono tantissime ed alcune le abbiamo già fatte. Una tra tutte: il trasferimento della fiera settimanale, la cui struttura, pronta da due anni, non apriva; abbiamo sbloccato i loculi cimiteriali. Opere ereditate, ma portate avanti. Inoltre, la zona del Rione Ferrovia non è come l’abbiamo ereditata. Penso, poi, alla costituzione della task-force per i rifiuti e a quella non meno importante per il recupero dei residui attivi. L’operato di quest’ultima ci deve portare a più soldi in cassa e a un conseguente maggiore attivismo. Nelle ‘palazzine’ siamo presenti dal giorno dopo l’elezione anche con attività, divenuta ordinaria, di pulizia che coinvolge tutta la zona di Aversa Nord. Abbiamo sbloccato la vicenda del Distretto per le cure ai disabili facendo venire ad Aversa i rappresentanti dei diversi comuni. Non mi aspetto complimenti dall’opposizione che fa il giusto gioco delle parti, ma quando mi guardo nello specchio mi dico che sto facendo quanto avevo promesso”.

Cosa c’è da fare nel prossimo futuro? “Dobbiamo passare alla nostra fase programmatica, anche se c’è ancora tanto da fare relativamente alle cose già in essere tipo il Programma Piu Europa che vogliamo portare a buon fine. Stiamo recuperando i rapporti con l’Iacp non solo per la manutenzione di due, tre aree cittadine, ma anche per un’effettiva riqualificazione. Abbiamo, ancora, recuperato il protocollo d’intesa con Regione Campania e MetroCampania per la riqualificazione della zona dell’Annunziata. Insomma, ci stiamo dando da fare anche se qualcuno non lo percepisce, nonostante gli atti inviati sino a casa. Ma, forse, la verità è che ognuno li legge come vuole”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico