Santa Maria C. V. - San Tammaro

Bilancio previsione, Mastroianni (Pdl): “Surreale”

 SANTA MARIA CV. “Per rendersi conto dell’anormalità politica di tutto ciò – dichiara il responsabile cittadino Salvatore Mastroianni – basti pensare che il Bilancio di previsione di un Comune, …

… secondo quanto previsto dal Testo Unico degli Enti Locali, dovrebbe (teoricamente) essere approvato prima della fine dell’anno precedente a quello a cui fa riferimento, semplicemente in quanto esso dovrebbe rappresentare una mera previsione delle entrate e delle spese che un’Amministrazione comunale pensa di mettere in campo nel corso dell’anno solare che va ad affrontare. Quest’Amministrazione di sinistra della triade Mattucci – Di Muro – Stellato, invece ha applicato una modalità sicuramente singolare per arrivare ad approvare il documento contabile di previsione per l’anno 2012 a circa sessanta giorni dalla fine dell’anno in corso”.

“Nell’ambito della conferenza stampa di sabato prossimo – spiega ancora Mastroianni – il Pdl farà luce sulle innumerevoli zone d’ombra che hanno portato quest’Amministrazione ad aumentare sia l’Imu (0,4 sulla prima casa; 0,9 sulla seconda) che le addizionali Irpef (1 punto) e che rischia di iniziare pregiudicare la tenuta delle casse comunali a discapito delle tasche dei cittadini che si stanno già vedendo aumentare le tasse locali, in un momento storico non proprio dei migliori per i bilanci delle famiglie italiane, in particolar modo quelle monoreddito”.

E’ solo da ricordare – conclude il responsabile cittadino del Pdl Mastroianni – che la nostra città ha già vissuto agli inizi degli anni ’90 l’onta e i problemi di un dissesto finanziario; vorremmo solo evitare alla nostra comunità di rivivere tale stato semplicemente per colpa di un’Amministrazione politicamente distratta e disattenta. E, per cortesia, non venissero i nostri innovativi amministratori a dirci che siamo in epoca di Spending review perché noi, evidentemente a differenza loro, lo sappiamo benissimo, tanto che li stiamo invitando continuamente sia a contenere la spesa corrente che a tentare di attingere a risorse extra comunali per programmare qualcosa di concreto per la città, invece di procedere semplicemente a vedere come spendere i soldi comunali per fumose e costose iniziative che poco o nulla lasciano sul territorio”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico