Italia

Sentenza Diaz: “Violenze polizia di gravità inusitata”

 GENOVA. L’irruzione alla scuola Diaz al termine del G8 di Genova del 2001 fu “un puro esercizio di violenza” da parte della polizia, “di una gravità inusitata”.

Si legge così nella sentenza lunga 186 pagine della Cassazione nelle motivazioni del processo Diaz. La “gravità” dei reati commessi dai funzionari della polizia, come quello della violazione “dei doveri di fedeltà”, delle calunnie e dei falsi, legittima il no “al riconoscimento delle attenuanti generiche” a favore degli imputati, si legge.

“L’assoluta gravità – spiegano i giudici – sta nel fatto che le violenze, generalizzate in tutti gli ambienti della scuola, si sono scatenate contro persone all’evidenza inermi”. “I poliziotti che fecero irruzione alla scuola Diaz – si legge ancora nella sentenza – si erano scagliati sui presenti, sia che dormissero, sia che stessero immobili con le mani alzate, colpendo tutti con i manganelli e con calci e pugni, sordi alle invocazioni di non violenza provenienti dalle vittime, alcune con i documenti in mano, pure insultate al grido di bastardi”.

Per la Cassazione, l’irruzione alla Diaz fu condotta con “caratteristiche denotanti un assetto militare”. “L’esortazione rivolta dal capo della polizia, Gianni De Gennaro ad eseguire arresti, anche per riscattare l’immagine della polizia dalle accuse di inerzia – scrivono i giudici – ha finito con l’avere il sopravvento rispetto alla verifica del buon esito della perquisizione stessa”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico