Home

Norvegia, 12esimo giocatore in campo se…

 Nel tentativo di rendere più interessanti partite praticamente già morte alla fine della prima frazione, la Federcalcio norvegese (Nff) ha avanzato una proposta senza precedenti: permettere ad una squadra in svantaggio di 4 reti di inserire il 12esimo uomo in campo.

Sarebbe un passo importante che creerebbe maggiore equilibrio , assottigliando il divario tra le più forti e le più deboli della classe. Si correrebbe, però, il rischio di veder finire le partite col classico under 3.5 da bolla settimanale e fare qualche goal di troppo diventerebbe, paradossalmente, uno spauracchio.

“E’ una buona regola, che produrrebbe match più equilibrati. Non e’ divertente perdere 17-0, ma non e’ divertente neanche vincere 17-0”. Lo dice Henning Berg, storico pilastro della difesa scandinava con oltre 100 presenze in nazionale.

Kjetil Rekdal, allenatore dell’Aalesund, è di tutt’altro parere: “Può essere positivo far giocare piùpersone, ma negativo distruggere o punire quelli che sono migliori”.

Al di là dell’ ammissione o meno della proposta, questa è un’iniziativa che lascia intendere quanto il mondo del calcio tenti di rinnovarsi costantemente.

Nella seguente lista ci sono le novità più importanti introdotte negli ultimi anni tratte da Wikipedia:

2000: abolizione della regola dei quattro passi, sostituita con quella secondo cui il portiere non può tenere il pallone fra le mani per più di 6 secondi, pena uncalcio di punizione indirettoper la squadra avversaria.

2002: introduzione delSilver Goalsu proposta dell’Uefa.

2004: un calciatore che, per celebrare una rete, si tolga la propria maglia, deve essere ammonito per comportamento antisportivo.

2004: abolizione delGolden GoaleSilver Goal.

2005: se uncalciatore di riservaentra abusivamente sul terreno di gioco, il gioco riprenderà con uncalcio di punizione indiretto, per la squadra avversaria, nel punto in cui si trovava il pallone al momento dell’interruzione. Ilcalciatore di riservaè passibile di ammonizione o espulsione.

2005: introduzione della distanza che gli avversari devono rispettare durante l’esecuzione di unarimessa laterale, fissata a 2 metri.

2006: durante uncalcio d’angolo, gli avversari devono restare ad almeno 9,15 metri dall’arco d’angolo.

2010: sono permesse le finte sucalcio di rigore, a meno dell’unico caso in cui il calciatore non arresti la propria rincorsa per indurre il portiere a tuffarsi in una direzione per poi calciare nell’altra.

2011: se un animale o un secondo pallone entrano sul terreno di gioco, il gioco sarà interrotto soltanto nel caso essi interferiscano nell’azione. Il gioco riprenderà in tal caso con unarimessa da parte dell’arbitro.

2012: unaretenon sarà convalidata se ilpallone, surimessa da parte dell’arbitro, dopo aver toccato il terreno è calciato direttamente in una delle dueporte; se ciò avviene nella porta avversaria, la rete è annullata, e sarà assegnato uncalcio di rinvioalla squadra avversaria; se invece viene segnata direttamente un’autorete, ancora una volta questa non sarà valida, e uncalcio d’angolo sarà assegnato alla squadra avversaria.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico