Esteri

Galles, bimba scomparsa: arrestato un uomo ma si continua a cercare

April JonesMACHYNLLETH. Arrestato un uomo per la scomparsa di April Jones, 5 anni: i suoi figli giocavano nel cortile con la piccola.

Non sono ancora note le motivazioni che avrebbero portato l’uomo a rapire la bambina, ma l’unica cosa certa al momento è che Mark Briger, sospettato di aver rapito e successivamente ucciso la piccola Jones, è stato arrestato con l’accusa di omicidio. A rivelarlo è stato il sito della Bbc, lo stesso che da lunedì tiene aggiornata la famiglia e tutto il Galles circa le ricerche.

L’uomo, 46 anni, è in stato di fermo da tre giorni presso il commissariato di Abrystwyth, nel Galles, anche se come ha detto il responsabile delle indagini, Reg Bevan: “Mark Bridger è stato arrestato perché sospettato dell’omicidio di April Jones. L’uomo resterà in custodia per essere ancora interrogato”. Intanto le ricerche continuano nella speranza di ritrovare ancora in vita la piccola April.

“L’arresto non ci distoglierà dagli sforzi per ritrovare la bambina – ha aggiunto Bevan – i familiari sono stati informati degli sviluppi della situazione e sono sostenuti da specialisti”. La polizia ha rinnovato un appello per qualsiasi testimonianza utile sugli spostamenti del presunto omicida e della sua auto nel giorno della scomparsa della bambina, ma ha invitato la popolazione, date le circostanze, a non partecipare più alle ricerche, che adesso sono riservate agli specialisti.

Le ricerche sarebbero al momento concentrate nel fiume Dyfi che decine di agenti stanno dragando: ad avvalorare questa ipotesi alcuni testimoni che hanno raccontato di aver visto un uomo trascinare una grossa borsa vicino al fiume proprio il giorno dopo la scomparsa di April. Una troupe televisiva di Channel 4 potrebbe avere casualmente catturato l’immagine di Bridger mentre camminava lungo il fiume Dyfi poco prima di essere arrestato martedì pomeriggio.Secondo un testimone, l’uomo avrebbe chiesto a persone impegnate nelle ricerche lungo il corso d’acqua se avevano notizie della bambina.

La Jones è stata vista per l’ultima volta lunedì, mentre giocava nei pressi della sua abitazione. e proprio davanti casa sua, come hanno testimoniato i bambini che giocavano con lei, April sarebbe stata caricata su un furgone grigio o di colore chiaro, attorno alle 19.30. “Tutti i testimoni sono bambini, ha precisato la polizia, per cui ci vorrà del tempo per raccogliere le informazioni utili. È un processo delicato e difficile interrogare i bambini che sono stati testimoni di quanto accaduto”.

Dopo il suo rapimento nessuno ha più avuto sue notizie, né sono pervenute richieste di riscatto. La famiglia non ha ancora perso però la speranza e rinnova gli appelli per ritrovarla ancora in vita. April Jones è una bambina malata, che ha bisogno di cure, come ha raccontato suo nonno, Richard Moon, di sessantanove anni. È affetta da paralisi cerebrale infantile ed è necessario che le vengano somministrati regolarmente i medicinali di cui ha bisogno. Moon ha spiegato che, nonostante il disturbo, che le causa problemi di postura, movimento, di equilibrio e nell’uso delle mani, i genitori stanno cercando di far vivere alla piccola una vita quanto più normale possibile. Nel frattempo, la madreCoral Jones lancia appelli disperati a tutti i media.

Nella giornata di giovedì, durante un’apparizione televisiva, riusciva a malapena a parlare tanto era distrutta. In lacrime, ha dichiarato:“Ci deve essere qualcuno là fuori che sa dove si trova mia figlia. Siamo alla disperata ricerca di qualsiasi notizia, per favore aiutatemi a ritrovare April”.

Anche ilprimo ministro David Cameronha pubblicato un accorato appello personale, confessando che la scomparsa di un proprio figlio rappresenta “l’incubo di ogni famiglia. E quando questo accade a chi soffre di paralisi cerebrale, non fa che peggiorare le cose. Il mio cuore va alla famiglia di April”, invitando, poi, chiunque sappia qualcosa a rivolgersi alla polizia. Molte delle persone più vicine alla famiglia raccontano che la madre della piccola: “Non vuole neanche vedere la tv: è un tale mal di cuore. E ogni volta che viene annunciata una nuova notizia, temono le conseguenze peggiori”. E poi, quella povera madre, conosceva Bridger, perché questi aveva vissuto accanto alla famiglia Jones per un breve periodo in passato: i suoi figli avevano anche giocato con a piccola April.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico