Cesa

L’Azione Cattolica inaugura il nuovo anno associativo

 CESA. Chi è tornato a sedere tra i banchi di scuola, chi ha riaperto la saracinesca del proprio negozio, chi è rientrato in ufficio o in cantiere dopo una meritata pausa estiva; …

… chi in ferie non c’è stato ed ha continuato incessante la propria attività. Per tutti è ripresa la quotidianità che ci sfida, ci stressa, ci arricchisce e ci riempie. “Il cammino di Azione Cattolica di quest’anno, che ci invita a vivere il dono della comunione, riguarda proprio la quotidianità di ciascuno di noi”, annuncia Graziano Fiorillo presidente dell’associazione parrocchiale, che sottolinea:“Siamo chiamati a sperimentare che anche nella nostra difficile quotidianità Gesù ci fa compagnia e ci suggerisce la possibilità di condividere la stessa tavola. Perché, se condividiamo, tutti potranno essere saziati. E quello che dobbiamo condividere non è ciò che ci avanza o soltanto le esperienze positive. Dobbiamo imparare a condividere noi stessi, le nostre forze ma anche le nostre mancanze e le nostre debolezze. E questo è uno stile che si acquisisce con la pratica. Scrive Franco Miano, presidente nazionale dell’Azione Cattolica: ‘Gesù non sale in cattedra, per spiegare cos’è la condivisione, ma la fa sperimentare direttamente: chiede ai discepoli di prendersi cura delle persone accorse per ascoltarlo, distribuendo loro il pane spezzato. L’amore […] si mette a disposizione, a servizio, senza tirarsi indietro; si sente partecipe, non si chiama fuori’. Il desiderio e la capacità di condividere si manifestano anche nel collaborare, nel mettere in comune esperienze, idee, prospettive, nel confrontarsi e nel dialogare, ‘mangiando lo stesso pane’. Nella propria Chiesa, nella propria città, nella propria realtà”.

“Quindi – riprende il presidente dell’Ac – tutti coloro che sentono il desiderio o la necessità di vivere una fede consapevole, di mettersi in discussione e di condividere se stessi con gli altri possono cominciare con il prendere parte al nostro cammino”.

I ragazzi dai 6 ai 14 anni si incontrano il sabato alle 16.30 in casa canonica; i giovani ed i giovanissimi (15-30 anni) si incontrano il mercoledì alle 20 sempre in casa canonica; gli adulti, dai 31 ai 150 anni si incontrano il venerdì alle 19.30 nella sede in piazza De Michele.

“Infine – conclude Fiorillo – desidero ringraziare: tutti i membri del consiglio che, con impegno ed attaccamento alla nostra associazione, mi sono di grande sostegno, materiale e spirituale, per il mandato che il Signore ha voluto affidarmi; gli educatori che anche quest’anno hanno rinnovato il proprio impegno e la propria disponibilità a ‘dare se stessi da mangiare’ per gli altri: Raffaele Angelino, Aniello Bortone, Maria di Chiara, Rosa Di Bernardo, Ermelinda Guarino, Antonella Messina, Cristina Panarella e Daniela Verde. Li ringrazio di cuore perché condividono il proprio tempo con gli altri e si impegnano volontariamente perché l’esperienza di Cristo sia sempre viva e concreta; il nostro parroco don Peppino che ci rinnova la fiducia e ci permette di vivere serenamente l’impegno associativo. Auguro a tutti i soci, dal più piccolo al più grande, un intenso e proficuo cammino”.

di Raffaella Guarino

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico