Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Differenziata, Furia: “Delude anche la commissione straordinaria”

Luigi FuriaCASAL DI PRINCIPE. Che nuova delusione. Dopo l’ennesima visita della “Commissione parlamentare d’inchiesta sui rifiuti” di questi giorni, è venuto a galla che settantadue comuni del casertano su 104 sono a rischio scioglimento perché la loro raccolta differenziata è al di sotto del 50%.

Ci sono comuni come San Marcellino con lo 0,54%, Cancello Arnone al 3,78, Gricignano al 4,44 e Aversa poco più del 10%. Secondo l’Osservatorio regionale sui rifiuti a Casal di Principe, la raccolta differenziata è ferma all’8,56%, nell’anno 2011, contro il 5,16 del 2010, e una produzione pro-capite annua di rifiuti pari a 450 chilogrammi, e noi aggiungiamo con la più alta tassa di tutta la regione. Se non ricordo male essa, sfiorava il 30% a dicembre 2009, e per questo il sindaco dottor Cipriano Cristiano fu rimosso dalla carica perché non aveva raggiunto la quota fissata dalla legge.

Ora Casale è commissariata a decorrere dal 17 novembre 2011 e la situazione è semplicemente peggiorata. Se si può mandare a casa un sindaco perché non fa rispettare un preciso obbligo di legge, non si può fare altrettanto con dei Commissari e nel caso nostro, addirittura una terna chiamata “Commissione Straordinaria” con ampi poteri, inviata proprio per il ripristino della legalità? Non parlo di un impossibile nuovo commissariamento, ma almeno di una sostituzione con altre persone, visto il risultato della gestione di queste personalità inviate dal Governo!

Non conosco personalmente questa commissione che ci amministra e comunque mi fiderei poco di loro, anche se ho sentito qualcuno esprimere qualche giudizio positivo sulle persone, solo perché hanno avuto l’accortezza di ricevere in qualche delegazione di cittadini e usare un linguaggio forbito e da persone navigate. Resta il fatto che, al di là delle apparenze, contano le condizioni pietose del nostro paese.

Abbiamo perso il conto da quanti mesi Casal di Principe non viene pulito o disinfestato, con troppi cumuli di immondizia lungo tutte le strade periferiche che spesso vengono accesi provocando nuova diossina. Siamo letteralmente assaliti da insetti vari e zanzare tigri e la mattina ci svegliamo al profumo di odori nauseanti.

Siamo veramente stanchi e sfiduciati, ma nello stesso tempo orgogliosamente indignati di essere diventati “Il capo espiatorio di tutte le malefatte del passato” e dell’incuria di chi ci governa a livello locale e nazionale. Il popolo casalese si domanda quando finirà, se finirà tutto questo, e potremo ritornare a essere semplicemente un paese normale.

Ragionier Luigi Furia

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico