Pomigliano d’Arco - Castello di Cisterna

Pomigliano, respinto ricorso Fiat: 145 operai dovranno essere assunti

LandiniNAPOLI. Il giorno della presentazione in pompa magna della nuova Panda, mentre tutti gli operai già assunti nella new co ascoltavano speranzosi le parole di Marchionne e John Elkann sul rilancio dello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco, …

… all’esterno strideva con i toni delle celebrazione la protesta dei lavoratori iscritti alla Fiom non ancora assorbiti da Fabbrica Italia. Contestavano l’esclusione dalla nuova compagnia solo perché iscritti alla Fiom, l’unico sindacato a opporsi al referendum imposto dall’azienda torinese. La loro mancata assunzione era una “discriminazione inammissibile” secondo la Corte d’appello di Roma che ha dato ragione alla Fiom sulla assunzione dei 145 lavoratori iscritti al sindacato dei metalmeccanici Cgil.

Lo scorso 21 giugno il Tribunale di Roma aveva condannato la Fiat per discriminazioni contro la Fiom a Pomigliano disponendo che 145 lavoratori con la tessera del sindacato di Maurizio Landini venissero assunti nella fabbrica. Alla data della costituzione in giudizio alla fine di maggio su 2.093 assunti da Fabbrica Italia Pomigliano nessuno risultava iscritto alla Fiom.

Ad agosto la Corte d’appello aveva giudicato “inammissibile” la richiesta della Fiat di sospendere l’ordinanza di assunzione per i 145 iscritti alla Fiom riconoscendo una discriminazione ai danni del sindacato nelle riassunzioni dei dipendenti dello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico