Sorrento - Vico E. - Massa Lubrense - Piano di Sorrento - Sant’Agnello - Meta

Falsi limoni di Sorrento provenienti dall’Argentina: sequestro nel Napoletano

 SALERNO. Erano etichettati come limoni di Sorrento ma venivano dall’Argentina.

Sono alcuni tra i 3500 chilogrammi di prodotti prodotti ortofrutticoli, lattiero caseari e gastronomici con falsi marchi di qualità sequestrati dai Nac (Nuclei Antifrodi dei carabinieri) nell’ambito di verifiche disposte in tutta Italia dal Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari a tutela dei consumatori.

Isei quintali di limoni provenienti dall’Argentina ma commercializzati come igp (indicazione geografica protetta) nazionali sono stati scoperti in provincia di Napoli. Mentre in quella di Macerata sono stati sequestrati 1300 chilogrammi di pizze che riportavano sulle etichette falsi marchi a denominazione “Cipolla rossa di Tropea” e “San Marzano”.

Le indagini dei Nuclei Antifrodi Carabinieri sulla contraffazione dei prodotti di qualità hanno poi riguardato anche il falso Made in Italy prodotto all’estero: è stata infatti attivata la rete di cooperazione internazionale di polizia di Interpol per contrastare la contraffazione dei vini a denominazione “Barolo, Chianti, Valpolicella, Montepulciano e Nero d’Avola” prodotti in Gran Bretagna in “wine-kit”, preparati solubili in acqua che il consumatore straniero è indotto a considerare come vino nazionale di qualità.

La stessa iniziativa è stata presa anche per contrastare la produzione in Germania del falso “Aceto Balsamico di Modena Igp”. Contestati pure 2 milioni e 500mila euro di sanzioni amministrative in materia di finanziamenti comunitari illeciti nel comparto agro-alimentare.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico