Santa Maria C. V. - San Tammaro

Brucia un’automobile: paura nel centro cittadino

 SANTA MARIA CV. Tanto fumo accompagnato ad un grande spavento e fortunatamente nessun danno rilevante.

E’ il bilancio del movimentato tardo pomeriggio che lunedì 3 settembre i condomini del palazzo Valentino hanno loro malgrado vissuto. Verso le 19.10 da corso Ugo de Carolis si era alzata una nuvola grigia, visibile a diversi metri di distanza, che aveva fatto temere il peggio proprio nel cuore della città. Nella rimessa auto e, più specificamente, nella zona prospiciente i garage condominiali, una Punto parcheggiata al posto auto ha preso fuoco sprigionando fumi scuri da subito visibili in strada.

Di lì a poco il fumo è cominciato a salire alle abitazioni, di fatto attigue ai parcheggi, allarmando un primo gruppo di inquilini che, dopo aver avvertito il comando dei vigili del fuoco, ha tempestivamente provveduto all’evacuazione dei vari appartamenti. I vigili in breve hanno debellato il principio d’incendio che dalla Punto si stava diffondendo alle altre vetture e che aveva già parzialmente danneggiato quella più vicina. Le cause dell’incidente, una volta messo in sicurezza l’ambiente, sono state facilmente appurate.

La versione dei fatti data dai condomini ad una pattuglia dei carabinieri ha confermato la tesi che si sia si trattato di una semplice autocombustione. Non è stato riscontrato nessun elemento che possa far pensare alla natura dolosa dell’incendio, né il proprietario della sopracitata autovettura ha riferito di possibili sospetti.

Sebbene non ci siano stati gravi danni strutturali né alla rimessa né al palazzo, il pericolo corso dagli inquilini di Palazzo Valentino non è da sottovalutare. Il tempestivo intervento delle autorità preposte ha comunque scongiurato un’esplosione a catena delle automobili parcheggiate i cui effetti sarebbero stati accentuati dalla prossimità dei box auto alle abitazioni.

Dopo un paio d’ore, e dopo aver effettuato i controlli di rito negli appartamenti, i condomini sono potuti tornare alle loro case più o meno provati dall’ inaspettata avventura vissuta. Tutti tranne uno: Nika, il cane dell’ultimo piano, che ha sonnecchiato per tutto il tempo. Il suo proverbiale olfatto deve essere ancora in vacanza.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico