Italia

Monti: “Lavoriamo per scongiurare l’aumento dell’Iva”

Mario Monti ROMA. Formalmente l’Italia l’anno prossimo sarà ancora in recessione, ma di appena lo 0,2%. Un dato che, se paragonato al -2,4% di quest’anno permette di dire che la ripresa arriverà comunque nel 2013.

Mario Monti torna ad indossare i panni del professore di economia per sostenere che l’inversione di tendenza l’anno prossimo sarà evidente e che la inizia a vedersi la luce in fondo al tunnel. Nel farlo, tuttavia, mette in guardia dalla tentazione di cambiare strada rispetto a quella del rigore imboccata dal governo dei tecnici: i mercati ci punirebbero e l’Italia perderebbe peso in Europa. Il professore non li cita, ma è un chiaro monito ai partiti e in particolare a chi, complice la campagna elettorale, promette di cancellare le riforme strutturali da lui varate.

Presentando la nota d’aggiornamento al Def, in cui il Tesoro rivede al ribasso le stime fatte in primavera, Monti spiega che la recessione è più profonda per la congiuntura economica. “Troviamo le cose in linea con quanto da noi sempre immaginato e previsto, salvo che il quadro internazionale è un pò peggiore del previsto”. Ciò non significa che non vi sia un’inversione di tendenza: perchè dopo il meno 2,4% di quest’anno, il -0,2% dell’anno prossimo si giustifica con “quello che noi economisti chiamiamo, se non ricordo male, l’effetto di trascinamento”.

A suo giudizio, infatti, “l’anno prossimo sarà un anno in ripresa, l’andamento dell’attività economica nel 2013 sarà un andamento crescente”. E grazie alle riforme strutturali avviate, che inizieranno a dare i loro frutti, e al risanamento dei conti il quadrò sarà più positivo. A condizione che l’Italia non cambi rotta (come gli chiedono in tanti sia nel Pdl che nel Pd). Perché, ammonisce, “se l’Italia non continuasse sulla strada intrapresa” per risanare i conti “non solo i mercati darebbero segnali negativi”, ma per il Paese sarebbe più difficile «continuare a esercitare un’influenza” in Europa.

Ecco perché, aggiunge, “il cardine della nostra politica di risanamento dei conti pubblici rimane invariato: e cioè l’obiettivo del pareggio strutturale nel 2013” che per noi è “l’ancora” della politica economica. Ciò non significa che il governo intenda aggravare il carico fiscale: “Non stiamo lavorando per un aumento delle tasse, ma per ridurre la spesa pubblica attraverso la spending review”. Lo scopo, ribadisce, è quello di “evitare l’aumento di due punti dell’Iva” non solo fino all’estate ma “sine die”. Poi rivela di aver dato un consiglio (che suona più come una critica) ad Angela Merkel: “Ma perché non siete più orgogliosi sulla metà piena del bicchiere greco anziché rattristati, frustrati al limite del disprezzo, sulla parte vuota del bicchiere?”.

Intanto, Piazza Affari apre in rialzo. Il Ftse Mib guadagna lo 0,58% a 15.920 punti e il Ftse All Share sale dello 0,49% a 16.861 punti nei primi scambi, poi amplia i guadagni e si attesta a poco emno di un puinto percentuale. Il differenziale tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi a 10 anni apre in calo verso i 330 punti, rispetto alla chiusura di ieri (341) e sui valori registrati alla vigilia in avvio di giornata (332). Il rendimento resta sotto il 5% al 4,938%.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico