Italia

Alcoa, la protesta continua a Olbia: operai occupano traghetto

 OLBIA. Trecentocinquanta operai dell’Alcoa, in arrivo a Olbia da Roma, hanno occupato questa mattina per due ore, dalle 7 alle 9, il traghetto della Tirrenia sul quale hanno viaggiato per rientrare in Sardegna dopo la manifestazione di ieri nella Capitale.

I lavoratori sono intenzionati a portare avanti la loro protesta contro la chiusura degli impianti del Sulcis. “Abbiamo occupato il traghetto dopo il risultato non ottenuto domenica a Roma. – spiega Franco Bardi, segretario provinciale Fiom Cgil di Carbonia Iglesias – Noi non ci fermeremo: metteremo in campo tutte le azioni necessarie a scongiurare la chiusura degli impianti”.

I lavoratori dell’Alcoa, dopo l’occupazione, sono scesi dal traghetto per vagliare le ulteriori iniziative da prendere. “Per gli operai si tratta di dare un segnale al governo – dice Rino Barca della Fim-Cisl – perché da oggi sino alla chiusura della vertenza ci sarà una manifestazione al giorno”.

“Domenica – dice il segretario nazionale della Fim-Cisl, Marco Bentivogli – al termine dell’incontro dopo l’illustrazione dell’esito dei verbali sottoscritti dal ministero dello Sviluppo economico, dalla Regione Sardegna e dalla Provincia Carbonia Iglesias, tra i lavoratori si è diffusa una grandissima delusione per i risultati raggiunti. Un approdo non giudicato sufficiente dai sindacati, che non lo hanno sottoscritto. E’ urgente fare assolutamente un passo in avanti nella direzione di una soluzione”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico