Home

Paralimpiadi, la Minetti conquista il bronzo e il record in categoria

Andrea Giocondi e Annalisa MinettiUn volto, tante abilità: Annalisa Minetti conquista il bronzo nei 1500 metri T12 (atleti ciechi o con deficit visivo) e con la sua guida,Andrea Giocondi, durante la XIVesima edizione delle paralimpiadi di Londra.

In pochi avrebbero puntato su di lei, definita, anche dal suo coach, ancora troppo “vip” per essere un’atleta e così come accadde nel 1998, sul palco di Sanremo dove conquistò la vittoria, così ha fatto in pista a Londra ha superato le aspettative di tutti. Qualcuno dirà: si a Londra ha conquistato solo il terzo posto, ma se solo perché nella sua gara sono state accorpate atlete con disabilità diverse. Le prime due classificate, infatti, sono ipovedenti. Annalisa, invece, risulta prima nella sua categoria, conil record del mondo con 4’48”88, messo a segno proprio durante la gara, in quanto completamente cieca: la sua patologia si chiama retinite pigmentosa e degenerazione maculare, che progressivamente l’hanno portata alla cecità.

Mala Minettiè una donna che non si è mai arresa e grazie alla sua tenacia e alla sua determinazione è riuscita a conseguire sempre risultati importanti. “Il mio allenatore ha trasformato due gambe da miss in due gambe da atleta”, ha detto felice. “Questa impresa è per mio figlio Fabio – racconta ancora in lacrime l’azzurra – e con questo risultato voglio rappresentare un mondo di persone che non desiderano altro che essere considerate atleti. Nella vita tutto è possibile, io ne sono la dimostrazione. Racconterò questa mia favola in un libro. E magari la canterò anche”.

“Si è sacrificata Annalisa – spiega il suo allenatore Giaconi – e ha capito che l’atletica è uno sport duro, niente a che vedere con musica e sfilate. L’ha capito e l’ha voluto. In gara è stato quasi difficile starle al fianco; per la prima volta sono giunto all’arrivo con il fiatone. È stato poi bellissimo fare assieme il giro d’onore: il pubblico inglese l’ha applaudita come una vincitrice”.

La giornata paralimpica dell’Italia era iniziata in mattinata con l’argento di Elisabetta Mijno nel tiro con l’arco, battuta 3-7 in finale dall’ungherese Nemati; mentre la compagna di squadra, Veronica Floreno, sfiorava il podio chiudendo quarta. Quarto posto anche per Marco Cima nella scherma, battuto nella finale per il bronzo dal francese La Treche 11-15.Dalla piscina il bronzo invece lo portava a casa Federico Morlacchi nei 400 sl, categoria S9 (4’18”55), non lontano dal secondo, l’ungherese Tors (4’17”95) mentre l’oro andava al fuoriclasse australiano Hall (4’10”88). Per l’azzurro si tratta del secondo bronzo, dopo quello nei 100 farfalla.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico