Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Casapesenna, UpC: “Strade allagate, frutto di false promesse”

 CASAPESENNA. “Da anni in più strade di Casapesenna, ogni qualvolta che si manifesta la pioggia ci ritroviamo le strade allegate”.

Lo affermano dal comitato “Uniti per Casapesenna” che denuncia quanto avvenuto mercoledì 5 settembre in via Nicola Fabozzi, via Santa Filomena e via San Luca, nei pressi della piazzetta dove è situata la statua di Padre Pio, nel rione Cappella. Alcuni residenti sono dovuti scendere in strada per aprire i tombini e consentire che l’acqua defluisse onde evitare che entrasse nelle proprie abitazioni. Un’autovettura, proprio nei pressi della piazzetta, è rimasta ferma nell’acqua con delle persone a bordo.

“Scene ripetutesi decine di volte”, sottolineano dal comitato, continuando: “Da sempre sono stati messi al corrente gli amministratori di questo grave problema e sempre hanno promesso di intervenire. Risultato solo chiacchiere, logicamente. La gente, ormai, ha perso fiducia, si evince dal fatto che quando ci siamo recati sul posto noi di UpC, e con noi alcuni ragazzi che formano il gruppo giovani del comitato, quando abbiamo fatto presente loro che il giorno successivo ci saremmo recati presso la casa comunale per informare la commissione straordinaria, con tanto di relazione scritta e fotografica, la loro risposta è stata: ‘Perdete solo tempo, sono anni che abbiamo sempre reclamato, ma alle promesse abbiamo ricevuto in cambio la solita indifferenza’”.

“Anche in piazza Petrillo – continuano da UpC – ci è stato segnalato che vi sono avuti forti disagi. Noi, comunque, non intendiamo mollare, bisogna sempre alzare la voce per far valere i nostri diritti, e tutti insieme dobbiamo puntare il dito in futuro contro quei soggetti che vorranno ricandidarsi per portare sul tavolo progetti che hanno ‘odore di vecchio’. UpC non ambisce a fare politica per il futuro, ma certamente vuol dare il proprio contributo ad individuare persone nuove, volenterose, per portare questo sfortunato territorio a condizioni di vivibilità normali”.

 “La nostra idea – concludono – è sempre la stessa, quella di contribuire ad un cambiamento radicale, iniziando dal primo cittadino, carica che, secondo il nostro modesto parere, dovrebbe essere coperta da una donna, non solo per dare un segnale forte ma anche per portare idee nuove”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico