Trentola Ducenta

Roghi, la Protezione Civile al servizio della cittadinanza

Paolo VillanoTRENTOLA DUCENTA. Fine agosto, tempo di bilanci di una estate afosa, calda, rovente, di un territorio quasi completamente “chiuso per ferie”, …

… dove gente senza scrupoli approfitta di questi giorni per mettere in atto scellerati azioni, sversando rifiuti alla periferia del paese, carogne di animali, carcasse di elettrodomestici, eternit, amianto e quant’altro. Un pessimo biglietto da visita per quanti si recano in città, oppure dai paesi limitrofi, anche per raggiungere il mare, ma soprattutto una vera e propria bomba ecologica, consequenziale dei veleni che si sprigionano dai tantissimi focolai di incendio appiccati ai cumuli abbandonati.

A fronteggiare questa emergenza, come tante altre, il Nucleo di Protezione Civile di Trentola Ducenta: un team di giovani, uomini e donne, che fanno del volontariato una missione, rinunciando anche al meritato periodo di vacanza dopo un anno di studio o di lavoro, spendendo tempo ed energie al servizio della gente e del territorio.

A parlare è Paolo Villano (nella foto), uno dei responsabili del team: “La vita di ognuno di noi è un dono, per riconoscerlo non occorre essere sognatori o poeti, basta guardarsi intorno, nel proprio habitat, e accorgersi che non siamo soli,scoprendo la bellezza e quanto importante è il valore del volontariato, al servizio del territorio e della gente alleviando così le sofferenze , soprattutto dei meno abbienti. Tante le emergenze, in particolare dallo sversamento rifiuti, incendi. Questa caldissima estate ci sta tenendo particolarmente impegnati, al ritorno di ogni operazione, o turno di volontariato, la stanchezza lascia il posto alla soddisfazione, per aver alleviato, almeno in parte, la sofferenza, dalla solitudine di chi ha chiamato che porta spesso all’esasperazione, tante volte abbiamo evitato il peggio. Siamo, tra l’altro, intervenuti in emergenze con tempestività nello spegnimento di incendi o nei tantissimi principi di focolai, in particolare nell’immediata periferia della città. Il fumo nero dei cumuli di rifiuti sprigiona diossine e veleni pericolosissimi, da qui è necessaria la tempestività di intervento”.

“Con l’inizio dell’anno scolastico, – continua Villano – riprenderemo i nostri meeting formativi negli istituti scolastici cittadini e scuole del territorio, anche con dimostrazioni. Il pericolo è sempre in agguato,la sicurezza sta nella prevenzione, la formazione rappresenta la leva strategica per tutti. Il volontariato della protezione civile mette l’entusiasmo al volontariato ai primi posti della gerarchia dei valori della propria esistenza”.

Villano ha già pronto un nutrito ordine del giorno da relazionare nel prossimo staff meeting di Protezione Civile, al fine di migliorare sempre di più l’efficienza del nucleo cittadino, già destinatario di svariati riconoscimenti e premi in ambito territoriale e nazionale.

di Franco Musto

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico