Teverola

“Anche se non vedo posso comunicare”: la storia di Ivan Dalia

 TEVEROLA. Vedi le sue mani scorrere sul pianoforte e subito dimentichi che non ha la possibilità di vedere il mondo che lo circonda. È la storia di Ivan Dalia, 27enne, prima musicista e poi non vedente dalla nascita.

Lui ama definirsi artista, perché sostiene che gli artisti abbiano qualcosa da comunicare: non è necessario quale organo si usi, l’importante è che si abbia qualcosa da dire. E Ivan di cosa da dire ne ha.

Con la sua ironia,la sua forza d’animo, riesce ad essere un ottimo esempio per chi si deprime per molto meno. E guai a definirlo “diverso”: lui può fare ciò che gli altri, anche normodotati, non riescono a fare.

A seguire le immagini

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico