Orta di Atella

Udc: “Si continua a navigare a vista”

 ORTA DI ATELLA. Non abbiamo la presunzione nè alcuna intenzione di dare lezioni di  politica e di buona amministrazione a chicchessia ma non possiamo sottrarci all’obbligo morale di informare i cittadini sui danni irreparabili che il governo del nostro paese,  inutile e confusionario, continua a produrre per la nostra comunità.

Si continua irresponsabilmente a navigare senza una precisa rotta, contrassegnata  solo da proclami giornalistici, comunicati fantasiosi, nomine e incarichi ai propri protetti,e come se non bastasse,  soluzioni tecniche e contabili artificiose che hanno come unico obiettivo quello di mascherare la mancata e reale soluzione dei problemi della gente.

 

Ci preme precisare che il  partito Udc, unitamente al proprio consigliere comunale Arch. Del Prete Salvatore, con grande senso di responsabilità, ha improntato, fin dall’inizio della consiliatura, la propria azione politica ed amministrativa sul rispetto dei ruoli e delle persone ,sul confronto costruttivo non facendo mai mancare, in ogni occasione, proposte operative sulla soluzione delle problematiche gravissime del nostro territorio.

 

A sostegno di questa sacrosanta verità, per chi ha memoria corta e/o fa finta di non ricordare, ci sono i verbali del Consiglio Comunale   e i documenti pubblicati su Pupia da cui emergono con chiarezza tutte le nostre proposte e, di contro, la incontestabile certezza della presunzione, dell’irresponsabilità,  della chiusura pregiudiziale e delle vergognose e mortificanti azioni rivolte ai non asserviti dell’attuale forza di governo che, imperterrita, continua a distruggere il nostro Paese sul piano morale, politico, culturale e sociale. 

 

Tra le tantissime proposte operative offerte al governo cittadino, rivendichiamo con orgoglio e con grande soddisfazione la primogenitura della proposta della nomina  di Comandante della Polizia Municipale  supportata dalla valorizzazione delle risorse professionali qualificate interne nonché dalla necessaria riduzione di uno spreco esagerato di risorse finanziarie (vedi delibera  C.C. del 30/06/2011).

 

Cogliamo l’occasione per formulare i nostri più fervidi auguri all’amico Salvatore Gradinetta concordando perfettamente con quanto affermato dal capogruppo e dal vicecapogruppo della maggioranza. Siamo, infatti, anche noi convinti che le indiscutibili qualità morali e professionali dell’attuale comandante si tradurranno in valore aggiunto utile per debellare l’abituale mancanza del rispetto delle norme in ogni campo favorita spesso, non certamente sempre in buona fede, da un lassismo ingiustificato da parte di chi è preposto al governo e alla salvaguardia del nostro paese.

 

E’ solo un primo e piccolo passo verso la normalizzazione di una gestione assurda dei soldi della comunità e, pertanto, è giusto invitare i due esponenti autorevoli della maggioranza e lo stesso sindaco, artefice di un inno di ringraziamento commovente quanto inutile e ridicolo  all’ex comandante della Polizia Municipale da cui emerge, tra le tante cose effimere e fantasiose, la presa di coscienza dello sperpero di risorse finanziarie prodotto in tutti questi anni, di continuare su questa strada del risanamento.

 

E’ opportuno prendere atto che ancora oggi girano a vuoto, in orario di servizio, negli spazi interni della casa comunale e, spesso, anche in quelli esterni ad essa un esercito di collaboratori esterni che conta  9 staffisti, 2 collaboratori esterni politiche sociali, 3 collaboratori esterni area tecnica, 2 capisettore esterni,1 addetto stampa per una spesa totale annua di circa 250 mila euro.

 

Non sarebbe il caso, cari amici della maggioranza, ridurre notevolmente tale spreco inutile rivalutando le qualificate risorse interne e investendo tale somma in tante altre direzioni più degne di attenzione?

 

A nostro modesto avviso, sarebbe opportuno, come spesso abbiamo suggerito, rivoluzionare il progetto amministrativo proposto dal governo cittadino e riflettere con serietà e grande senso di responsabilità sulle gravissime problematiche in ogni campo che coinvolgono il nostro territorio che potrebbero subire, nel prossimo futuro evoluzioni irreversibili ed estremamente dannose unicamente per la presunzione, testardaggine e incapacità evidenziate in questi anni da amministratori che dimostrano di non avere a cuore le sorti del nostro paese.

 

Cari cittadini, tra qualche giorno ci ritroveremo a vivere un ennesimo teatrino in consiglio comunale che servirà unicamente a suggellare ulteriormente il fallimento e l’incapacità di questa maggioranza con l’approvazione farsa di un bilancio di previsione truccato ed artificioso sotto tutti i punti di vista.

 

Invitiamo gli amici della maggioranza, prima di passare all’approvazione del documento contabile, alle riflessioni sui tanti punti oscuri della gestione contabile ed amministrativa tra cui sinteticamente ricordiamo:

·         Mancato recupero oneri concessori pari a circa un milione e mezzo di euro( si sono recuperati in un anno solo  40 mila euro).

 

·        Previsione introiti oneri concessori anni 2010 e 2011 pari a unmilione e 250mila euro con reale incasso pari a circa trecentomila euro;

 

·        Programma triennale opere pubbliche inesistente ormai da diversi anni che non lascia intravedere la speranza di interventi di riqualificazione e di realizzazione di servizi utili per migliorare la vivibilità sul nostro territorio.

 

·        Mancato riconoscimento di debiti fuori bilancio per un ammontare di circa 5 milioni di euro.

·        Transazioni mirate (circa 700mila euro) che si cerca incautamente di inquadrare come debiti fuori bilancio.

·         Progettualità afferente all’urbanistica nella piena confusione caratterizzata unicamente da fantasiosi Pua con presunta “efficacia sanante” ,stesura di un libro dei sogni per la realizzazione del Puc, rilascio di autorizzazioni illegittime, mirate e artificiose. Tutto ciò è stato prodotto da un balletto continuo di “coraggiosi” tecnici “esperti“ unicamente nel recepire, in modo passivo,istruzioni dall’alto senza tenere in alcuna considerazione le giuste aspettative dell’intera cittadinanza e delle esigenze globali delle forze imprenditoriali.

 

·        Problematica Pip irrisolta e aggravata da scelte irresponsabili ed assurde del governo cittadino che sta creando danni incalcolabili per la comunità,  per gli investitori e per i legittimi proprietari dei terreni.

 

·        Politiche scolastiche e sociali inesistenti.

 

·        Aumento addizionale Irpef  che passa da 0,5% a 0,65% mentre in altri comuni viciniori più virtuosi è stata abolita o ridotta;
 
·        Un  abbassamento della Tarsu realizzato  grazie ai suggerimenti delle forze di opposizione e alla sensibilità del governo Provinciale che ha ridotto il costo a tonnellata da 143,08 a 137,85 euro anche per i paesi poco virtuosi, come Orta di Atella, che hanno raggiunto appena il 39% di raccolta differenziata contro il 50% previsto dalla legge. (n.b. Per i paesi che hanno raggiunto il 50% di raccolta differenziata il costo a tonnellata è passato da 114,47 euro a 98,47 euro. Da ciò si desume che con un governo cittadino serio e all’altezza  oggi, al di là dei salti mortali e dei proclami fatti per la riduzione del costo Tarsu del 20%, ci saremmo ritrovati con una reale riduzione della Tarsu, grazie solo alle deliberazioni del governo provinciale, di circa il 30%). Cari cittadini, come potete ben notare, il nostro governo cittadino al danno aggiunge la beffa perché continua a propagandare illusori risultati positivi che nella realtà si configurano solo come danni per il  bilancio familiare dei cittadini ortesi.
 
         Mancato controllo del pagamento Tarsu  per  le migliaia di uffici presenti sul nostro territorio e rifilati a sprovveduti ed ignari cittadini come appartamenti grazie all’assenza totale di controllo del territorio;

 

·        Difficoltà esagerate per le ditte commerciali ed artigianali che si trovano di fronte a costi proibitivi per la Tarsu che ammonta oggi a circa 13 euro al mq che certamente non favorisce investimenti e iniziative imprenditoriali sul nostro territorio.

 

Sussiste la necessità, cari cittadini, di abbattere un “sistema” che non ha niente di politico e che ha prodotto e continua a produrre solo danni irreversibili per la nostra comunità.
 
Bisogna convincersi che purtroppo solo con una azione netta di contrapposizione allo squallore dell’attuale governo cittadino  si può sperare di battere un consolidato sodalizio, di natura non sempre definibile, che, con partecipazioni anche trasversali, governa il nostro territorio da diversi anni. Chi oggi antepone i “se” e i “ni” o, peggio, il silenzio assoluto ad una ferma linea di contrasto  a disegni  e metodi  di governo deleteri, inutili ed assurdi, si rende altrettanto responsabile  del disastro che si determinerà, nel prossimo futuro, per il nostro paese e per la nostra gente.
 
Siamo,pertanto, disponibili ad unire le nostre forze alle forze sane partitiche, associazionistiche,  sociali e culturali  senza pregiudizi, furbizie, prevaricazioni e primogeniture di qualunque tipo, per raggiungere quegli obiettivi di libertà, democrazia e legalità di cui, da sempre, siamo stati portatori per Dna politico e per cultura.

La sezione Udc di Orta di Atella

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico