Orta di Atella

Piazza Clanio, Ats propone la piantumazione di alberi

 ORTA DI ATELLA. L’associazione Libera Ats con la presente, attraverso il suo presidente Salvatore Sorvillo, vuole porre l’accento su quanto visto e riscontrato nei lavori di via Clanio di Orta di Atella.

“Dopo che i lavori si sono conclusi, speriamo di sì, poiché la strada attualmente è percorsa dai tutti i cittadini, abbiamo potuto vedere e tastare che nello slargo all’ingresso della via Clanio, si è pensato bene di progettare una piazza con delle panchine ma nessuno ha previsto la posa di un albero o una siepe”, afferma Sorvillo, che continua: “Certamente ci diranno che si sta provvedendo o meglio chi dice che non li debbano piantare, ma allora questo lavoro è concluso oppure è ancora un cantiere utilizzato dalla cittadinanza? In ogni caso, e per semplice scrupolo senso civico, la nostra associazione ha inoltrato richiesta al Corpo Forestale dello Stato affinché doni dieci alberi per abbellire lo spazio a verde all’ingresso di via Clanio. Crediamo che il momento non sia favorevole all’impianto degli arbusti, ma almeno se verrà accettata tale richiesta, potremmo dire che anche noi abbiamo dato un piccolo insignificante contributo alla cittadinanza. Inoltre si potrebbe recintare la piazzetta con dei cartelloni espositivi bassi, donati da chi vorrà apporvi il proprio logo, per la pubblicità, in modo da creare uno spazio fruibile per diverse esigenze”.

“Considerato che nessun politico ha avuto tale idea – sottolinea Sorvillo – o nessuno si rende conto che bisogna migliorare l’ambiente in cui si vive, proponendo e aiutando la collettività e tutelando il bene comune, crediamo ogni singolo debba poter proporre una qualsiasi attività, un qualsiasi progetto, un qualsiasi intervento per migliorare l’ambiente in cui si vive”.

Sorvillo annuncia: “A breve proporremo diversi progetti, urbanistici, ambientali e sociali che potrebbero aiutare Orta a risorgere e progredire, ricordando che è divenuta una cittadina con esigenze specifiche di un agglomerato urbano che è passato da 15mila a 30mila abitanti in breve tempo, con servizi che non seguono il passo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico