Italia

Passera al Meeting di Rimini: “Fine della crisi vicina”

 RIMINI. “La fine della crisi si inizi a intravvedere, ma bisogna non nascondere i problemi sulla crescita. La situazione non è delle migliori e l’eredità della seconda Repubblica è davvero deludente. L’uscita dalla crisi dipenderà molto da quello che riusciremo a fare”.

A dirlo il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, intervenuto nella mattinata di lunedì al Meeting di Comunione e Liberazione in corso in questa settimana a Rimini. Passera ha spiegato come solo grazie a Mario Monti “abbiamo evitato il commissariamento, ma ci siamo arrivati molto vicini. L’umore del mondo nei nostri confronti – ha spiegato il ministro – è stato cambiato dalla dimostrazione di unità che il Paese è riuscito a dare”.

Per quanto riguarda le tasse, invece, ha detto: “Abbiamo una delle più alte tassazioni al mondo: è una zavorra che dobbiamo correggere. Il governo deve trovare le risorse per il welfare e per ridurre la fiscalità ai cittadini e alle imprese oneste”. “Il nostro welfare ha dei rischi che derivano da tante inefficienze, tanti sprechi e da tante frodi che ci sono dentro”, ha continuato Passera sottolineando tuttavia come “questa è la parte più facile da sistemare”.

“Parliamo di come sviluppo e welfare devono convivere e se non c’è uno non c’è l’altro. Il welfare è una scelta di civiltà che parte dalla necessità di riconoscere dignità alla vita umana”. “La coesione sociale – prosegue Passera – è la base della crescita. La coesione e la competitività vanno insieme”.

“Sulla produttività dobbiamo recuperare. Rispetto all’Europa siamo indietro. La produttività viene da tante cose ma viene anche da una componente che è nelle mani delle parti sociali”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico