Italia

Fumo: multe a chi vende ai minori di 18 anni

 ROMA. “Chiunque vende o somministra i prodotti del tabacco ai minori di anni diciotto è punito conla sanzione amministrativa pecuniaria da 250 a 1.000 euro. Se il fattoè commesso più di una volta si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 2.000 euro e la sospensione, per tre mesi, della licenza all’esercizio dell’attività”.

E’ questo uno dei punti del cosiddetto “decretone” sulla sanità messo a punto dal ministro Balduzzi, che dovrebbe arrivare in Cdm venerdì. Secondo quanto si legge nella bozza del decreto, i rivenditori dovranno, all’atto dell’acquisto, un documento di riconoscimento che attesti la maggiore età, “tranne nei casi in cui la maggiore età dell’acquirente sia manifesta”.

“Entro diciotto mesi dall’entrata vigore del decreto, i distributori automatici per la vendita al pubblico di prodotti del tabacco devono essere dotati di unsistema automatico di rilevamento dell’età anagrafica dell’acquirente. Sono considerati idonei i sistemi di lettura automatica dei documenti anagrafici rilasciati dalla Pubblica amministrazione”.

Novità anche per i certificati medici per iscriversi in palestra o per altre attività amatoriali. Non basterà, infatti, il classico certificato del medico di famiglia di sana e robusta costituzione, ma occorrerà recarsi da un medico sportivo per una visita più dettagliata. L’ultima parte della bozza del decreto contiene novità anche sulle tasse per i superalcolici e le bibite gassate.

“E’ introdotto per tre anni un contributo straordinario a carico dei produttori di bevande analcoliche con zuccheri aggiunti e con edulcoranti – si legge – in ragione di 7,16 euro per ogni 100 litri immessi sul mercato, nonché a carico di produttori di superalcolici in ragione di 50 euro per ogni 100 litri immessi sul mercato. Il ricavato sarà destinato al finanziamento dell’adeguamento dei livelli essenziali di assistenza”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico