Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Omicidi Latino e Menditti: due arresti contro clan Belforte

 MARCIANISE. Nella mattinata di martedì, nel contesto di indagini condotte sul clan Belforte, detti “i Mazzacane”, attivo in Marcianise, Caserta e comuni limitrofi, la Squadra Mobile, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dalgip del Tribunale di Napoli, …

… su richiesta della Dda partenopea, in relazione ai reati di omicidio, detenzione e porto illegale di armi comuni e da guerra, ricettazione e danneggiamento, delitti aggravati dal fine di agevolare l’organizzazione camorristica dei Belforte di Marcianise , nei confronti di Bruno Buttone, 40 anni, di Marcianise, e Filippo Petruolo, 42, ritenuti elementi di spicco delle citata organizzazione camorrista, in quanto gravemente indiziati del concorso, con persone rimaste non identificate, negli omicidi di Latino Ferdinando, assassinato a Marcianise il 14.02.2001, e di Menditti Alessandro, detto Sandrone, assassinato in Recale il 14.10.2001.

La misura cautelare rappresenta l’epilogo di meticolose indagini della Squadra Mobile, coordinate dalla Procura Antimafia, suffragate anche dalle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, che avevano ricoperto ruoli di vertice nell’organizzazione dei Mazzacane, che permettevano di inquadrare gli omicidi in questione nell’annosa faida in atto in Marcianise tra i contrapposti clan Belforte e Piccolo, detti “i Quaqquaroni”, e nella lotta per il controllo delle gestione delle attività illecite, in particolare di natura estorsiva, nel comprensorio di Marcianise, Caserta e comuni limitrofi.

Infatti, Latino Ferdinando, imparentato con Letizia Biagio e Letizia Antonio, elementi di spicco del clan Piccolo, era organico all’organizzazione e coinvolto nelle attività estorsive condotte dal clan. Secondo le indagini, la sua eliminazione fu decisa allorquando gli emissari dei Quaqquaroni iniziarono a pretendere il pagamento di tangenti da parte di imprenditori già costretti a pagare il pizzo ai Belforte.

Analogo movente determinò l’eliminazione di Menditti Alessandro, detto Sandrone, appartenente all’omonimo gruppo di Recale – capeggiato dallo zio, Menditti Francesco, alias ‘O macellaio, cl. 50 -, in precedenza alleato ai Piccolo, che poi si era schierato con i Belforte, i cui affiliati, però, erano ritenuti inaffidabili dai vertici dei Mazzacane.

Inoltre, secondo la ricostruzione degli investigatori, i Menditti avevano iniziato ad imporre il pizzo in zone controllate dagli stessi Belforte attraverso il loro referente, Petruolo Filippo. Un contributo all’emissione, su richiesta della Procura Antimafia di Napoli, delle misure cautelari, è stato fornito dallo stesso Buttone Bruno, il quale, al fine di screditare il collaboratore di giustizia Froncillo Michele, aveva ammesso il loro diretto coinvolgimento nei due omicidi, ritenendo, erroneamente, che quest’ultimo non avesse mai confessato ai magistrati della Dda la sua partecipazione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico