Italia

Milano: neonato abbandonato nella “ruota”

 MILANO. Una tutina azzurra e un biberon contenente latte materna. Era tutto quel che aveva il neonato abbandonato nel pomeriggio di venerdì nella “Culla della vita” della clinica Mangiagalli di Milano, una riedizione della “Ruota degli Esposti”.

Da quando è entrata in funzione, nel 2007, è la prima volta che qualcuno la utilizza per abbandonare un neonato.IL piccolo è in discrete condizioni di salute, pesa un chilo e 700 grammi, secondo i medici dell’ospedale è stato accudito fino a quel momento.

Gli verrà dato il nome di Mario in onore a santa Maria Goretti della quale è la ricorrenza ed il cognome Mangiagalli, medico e sindaco di Milano oltre che fondatore della clinica. L’ideo dell’installazione di una “ruota” era venuta nel 2006 ai medici dell’ospedale, quando dopo l’ennesimo bambino abbandonato in un cestino della spazzatura, fecero richiesta al comune di Milano.

Venti mila euro, questo il costo della “Culla della vita”, per rispondere a una domanda: “Ho appena partorito il mio bambino, ma proprio non ce la faccio a tenerlo – si legge nella brochure che sponsorizza l’iniziativa -. Chi può aiutarmi?. Non abbandonarlo.

Da noi in Mangiagalli si trova una speciale culla, dove puoi lasciarlo nel completo anonimato. Il bambino sarà al sicuro e presto troverà una famiglia”.

Il piccolo Mario ora è in Terapia intensiva neonatale, al caldo dell’incubatrice dov’è stato lasciato e tra l’affetto di medici e infermieri. È già stato informato il Tribunale dei Minori per un’adozione.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Il teatro come risposta al razzismo: i ragazzi del Liceo 'Massimo' di Roma in scena a Maiano di Sessa Aurunca - https://t.co/B6pk2ZbEXD

A Capri arrivano 100 scacchisti per il torneo internazionale intitolato a Lenin - https://t.co/R2LTiCIYy5

Strage di San Marco in Lamis: arrestato uno dei killer - https://t.co/uKHKewnXeh

Roma, ritrovati dipinti del '600 rubati ai Parioli - https://t.co/9bD7hw89N4

Condividi con un amico