Caserta

Artisti casertani a Sabaudia nella terra di Moravia e Pasolini

Rino Della Corte CASERTA. Ci sono luoghi avvolti da un’atmosfera magica, nei quali si respira sempre la stessa immutabile aria fatta di ispirazione, slancio, creatività, profondo spiritualismo. Emozioni che trapassano l’animo e ci consacrano all’eternità.

Uno di questi luoghi è Sabaudia, le sue dune calde, rassicuranti, uniche. Ed è proprio su queste dune che Moravia e Pasolini, due icone della letteratura italiana e non solo, hanno trovato dimora per dare sfogo alla propria penna immortale.

Tutto questo “sentimento culturale” è rimasto latente nell’aria, tra i palazzi dell’architettura razionalista, in attesa che qualcuno lo facesse risorgere, lo tenesse ancora in vita. E se dopo quarant’anni possiamo avere ancora la sensazione di avvertire l’influenza di quelle presenze il merito va anche a Rino Della Corte (nella foto), ideatore e direttore artistico della rassegna “In GiarDino”, ospitata nell’abitazione privata dell’artista Dino Catalano in via Principessa Ludovica. L’Italia intera è passata e continua a passare in quel piccolo angolo di Sabaudia.

E c’è una parte dello Stivale che più delle altre è destinata a lasciare un segno, la terra d’origine di Della Corte, Caserta. Rino Della Corte è regista, sceneggiatore, autore di teatro, direttore artistico di diverse rassegne e festival tra cui il MitreoFilmFestival, ideato e diretto per otto anni. Una personalità così poliedrica non poteva non ideare una rassegna altrettanto variegata, decidendo così fra gli altri, di chiamare a raccolta anche per questa quarta edizione, gli amici di sempre, coloro che provengono dalle stesse radici, quelle campane.

Fra i primi a portare tutta la propria professionalità nel giardino di Casa Catalano Fausto Mesolella, storico chitarrista della Piccola Orchestra Avion Travel e che porterà a Sabaudia l’ultima fatica discografica “suonerò fino a farti fiorire”. Tra gli altri artisti che si alterneranno sul palco di via Principessa Ludovica anche Edoardo De Angelis, autore e regista di “Mozzarella Storie’s, Mimmo Di Dio pittore ed artista marcianisano, Paolo Piccirillo sceneggiatore e scrittore sammaritano, Michele De Simone fra i fondatori con Tony Servillo nel lontano 1977 del Teatro Studio di Caserta, Giovanni Izzo fotografo di Grazzanise che porterà la sua mostra fotografica “Promise Land”, Sara De Simone regista che presenterà il documentario “Non saremo che noi stessi ancora” dedicato a Sandro Penna. Ed ecco accontentato anche chi fosse curioso di saper qualche altro nome presente nel cartellone che parte il 5 luglio e si conclude il 25 agosto: Antonello Caporale, giornalista de La Repubblica, Paolo Piccirillo, scrittore, Giuseppe Boy, poeta e cantautore, Gianfranco Pannone, regista, Clemente Pernarella, attore e regista, Luciano Scateni, giornalista e scrittore, Pino Aprile, scrittore e autore di “Terroni” e Gaetano Amato, attore e autore di gialli e poi tanti altri artisti fra pittori, poeti, scrittori, fotografi.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico