Capua - Grazzanise - Vitulazio - Camigliano - Pastorano - S.Maria la Fossa

Rua, giura il secondo blocco 2012

 CAPUA. Nell’aria ardente dell’inoltrato luglio e coi cuori infiammati d’amor di Patria e di Pace, mille volontari in fp di un anno del 2° Blocco 2012 han gridato “Lo giuro!” nel clou di un’austera cerimonia, …

… venerdì 20 luglio, sul piazzale Antonucci della caserma “Salomone” dov’è attivo il Raggruppamento unità addestrative (Rua) dell’Esercito Italiano al comando “illuminato” del generale di Divisione Antonio Zambuco. Al cospetto della gloriosa Bandiera di guerra e agli ordini dell’autorevole comandante del 17° Rav “Acqui”, col. Domenico Roma, i giovani soldati ha professato solennemente la loro fedeltà alla Repubblica e alla Costituzione, mentre la banda musicale del Comando Artiglieria Contraerei eseguiva l’Inno nazionale. Attimi di impegno e di passione civile nei quali è sfociata alla grande la prima fase di quarantacinque giorni vissuti – ha detto il col. Roma – all’insegna dell’A-B-C, alias di un’alfabetizzazione di base seriamente fondata su tre principali cardini simbolici ed operativi: (A)addestramento, (B)andiera e (C)comunicazione.

Ed i giurandi, ubbidienti alle regole e puntualissimi nell’adempimento dei doveri, hanno dato prova di una maturazione incredibilmente “fulminea” rispetto al loro primo ingresso nel grande Centro addestrativo di Capua. Perfette geometrie nelle marce, rigore nell’esecuzione dei comandi, estrema compostezza nelle diverse posture, lucidità di pensiero, profonde emozioni nel cuore, spirito di corpo: queste le eloquenti manifestazioni palpabilissime di un itinerario formativo che proseguirà, incessante e benefico, sino al prossimo inverno. Tante le autorità in tribuna d’onore, sterminata la schiera dei familiari e degli amici accorsi, per l’evento, nella città federiciana che ad essi ha mostrato il meglio e il peggio, trovandoli per lo più indifferenti, commossi e concentrati com’erano anzitutto sulla cerimonia che vedeva “protagonista” ciascun loro “rampollo”. S’è levato un forte e corale applauso, quando li ha salutati il comandante Zambuco che ha tenuto un discorso realistico eppure denso di precisi moniti.

clicca

per ingrandire

“Non si tratta di espressioni retoriche – ha puntualizzato il generale –, ma di valori che costituiscono le fondamenta di quella ‘dimensione etica’ che deve essere il tratto distintivo di ciascun militare e che definiamo come ‘identità militare’”. Più avanti, ha pure annunciato che le Forze Armate “nell’attuale ‘speding review’ in corso nel Paese dovranno essere ridimensionate, ma non per questo – ha aggiunto – meno efficienti. Peraltro, anche le riduzioni dovranno essere comunque contenute nei limiti tali da non inficiare l’assolvimento dei compiti a noi assegnati”.

Il Giuramento del 2° Blocco 2012 – intitolato al ten. Giuseppe Perego, comandante di Plotone di una Compagnìa alpina, decorato con Medaglia d’Oro al Valor militare alla memoria perché generosamente sacrificatosi sul fronte russo, in quel periodo bellico funesto che andò dal settembre 1942 al gennaio 1943 – si è concluso rendendo i dovuti onori alla Bandiera di Guerra e al Comandante del Rua, ai Gonfaloni dei Comuni insigniti di riconoscimenti e alle sempre tenaci ed ammirevoli Rappresentanze delle Associazioni combattentistiche e d’Arma che consolidano il “senso della storia” in cui va ad iscriversi ogni nuovo Evento della nostra non proprio esaltante attualità locale e mondiale. E, forse anche per questo, ogni volta la cerimonia del Giuramento riassume significati e percorsi da riscoprire sulla via maestra dell’indispensabile recupero di civiltà e di autentico umanesimo, nelle piccole come nelle grandi sfere.

Raffaele Raimondo

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico