Campania

Racket pompe funebri: 45 arresti a Napoli

 NAPOLI. La squadra mobile della Questura di Napoli ha eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti di 45 persone tra dipendenti cimiteriali, medici legali, titolari e dipendenti d’imprese funebri, ritenute coinvolte nel cosiddetto racket delle pompe funebri.

In carcere tre indagati, arresti domiciliari per 15 e obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per i rimanenti 27. Le accuse riguardano vari reati, che vanno dall’associazione per delinquere al falso in atto pubblico e alla corruzione.

Le indagini furono avviate nel 2009, sulla base di alcune segnalazioni che evidenziavano l’esistenza di un diffuso fenomeno corruttivo tra il personale impiegato nei cimiteri e quello infermieristico in servizio negli ospedali, che intascava mazzette da alcuni gestori d’imprese di onoranze funebri.

È stato dimostrato il coinvolgimento anche di medici legali Asl, incaricati di constatare i decessi i quali, beneficiando di compensi non dovuti, redigevano il certificato necroscopico sulla scorta delle indicazioni, spesso fornite solo telefonicamente, dagli addetti delle imprese funebri.

Un filone di indagine ha riguardato gli infermieri addetti alle camere mortuarie degli ospedali che, previo lauto compenso, erano soliti avvisare del decesso e assistere imprese funebri compiacenti, affinchè si aggiudicassero servizi funebri dei pazienti morti.

Ipotesi di responsabilità sono emerse anche a carico di taluni dipendenti comunali addetti al servizio di Polizia Mortuaria che percepivano compensi non dovuti per eseguire le fasi conclusive delle esequie, ovvero quelle relative alla sepoltura o tumulazione delle salme. Tutte le somme illegalmente elargite venivano successivamente contabilizzate dalle imprese funebri a carico dei congiunti delle persone decedute sotto la generica voce spese cimiteriali.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico