Succivo

Atellana Fest X: Pan del Diavolo, Fluon di Andy e Otto Ohm

 SUCCIVO. Definiti gli ospiti delle tre serate dell’Atellana Festival in attesa della selezione degli otto gruppi in gara che dal 7 al 9 settembre calcheranno il palco di Teverolaccio per conquistare la decima edizione.

ll Pan del Diavolo sono il primo Headeliner dell’Atellana Festival 2012, il duo palermitano formato da Alessandro Aloisi e Gianluca Bartolo che dopo essere diventati uno dei casi discografici del 2010 con un Sono all’osso, tornano con nuovo album e nuovo tour Piombo, polvere e carbone. Un titolo che da solo racconta in tre parole le liriche disincantate ed aspre cantate da Alessandro in cui si sente maggiormente la presenza di una concezione di band vera e propria,, grazie alla collaborazione di Diego Sapignoli alle percussioni e alle parti di batteria. Apriranno il Pan del Diavolo una rivelazione tutta Campana, Sabba & gli Incensurabili con il loro ultimo lavoro Nessuno si senta offeso fatto di atmosfere blues e ritmi aggressivi.

Sarà Fluon, il progetto di Andrea “Andy” Fumagalli genio dei Synth e fondatore con Morgan dei Bluvertigo, ad infiammare con fluorescenza e elettricità la seconda serata dell’Atellana Festival.Fluon è il nuovo grupp formato dal talento creativo di Andy (voce, sax, synth), il pulsante sound electro diFaber (synth, programmazione), e la bruciante chitarra elettrica di Fabio Mittino. Dopo l’esperienza Bluvertigo, Andy è ora il frontman di un trio affiatato che incarna l’estetica, il suono e lo spirito dell’omonimo laboratorio d’arte, fabbrica di idee, dipinti e musica. “Naked”, il primo singolo, è il punto di partenza di questo progetto, nel quale si fondono in maniera efficace le caratteristiche di ciascun componente del trio, supportato alla ritmica daPat Mastellotto(Mister Mister, King Crimson).

Il sabato dell’Atellana terminerà con il DJSet di Andy ma verrà aperto dagli Onirica e dai brani del loro ultimo lavoro “Com’è bella la mia gioventù”. Una raccolta di dieci storie di una gioventù controversa, spesso violenta (ta), caratterizzata da episodi che lasciano il segno e il ricordo degli anni più belli della vita.

Gli Otto Ohm saranno l’ultimo gruppo a salire sul palco di Teverolaccio per la decima edizione dell’Atellana Festival. Il gruppo del “Bove” che a dicembre 2011 sono usciti col loro ultimo lavoro “Ohm Made” un doppio CD che raccoglie il riarrangiamento e la rielaborazione di 24 canzoni già pubblicate negli album precedenti più un brano inedito, Disco tristo, uscito come singolo nell’ottobre dello stesso anno ospiti della Finale che decreterà anche il vincitore del contest. Gli Otto Ohm continuano a cantare di sé e del mondo che non va, delle speranze e delle cose da salvare, a declinare il verbo del dub in un modo che appartiene soltanto a loro, ritmi reggae ma sopratutto tanta canzone d’autore, una miscela che hanno fatto degli Otto Ohm una certezza al di là delle mode passeggere per non parlare della grande lungimiranza avuta per la loro capacità di rispondere alla crisi discografica con l’autoproduzione del loro ultimo lavoro di inediti Combo. Apriranno gli Otto Ohm gli Abulico che tornano con il singolo “Fragile”, primo estratto dal nuovo album della band napoletana: Il Colore dei Pensieri, che segna la svolta in italiano della band.

Una programmazione di spessore, come promesso dagli organizzatori, che miscela RockIndie, Elettronica e Dub, un festival che come dimostrato negli ultimi anni ama spiazzare tra i generi musicali e far uscire all’aria aperta, sotto l’ombra di un Castello, le varie nicchie di qualità della musica.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico