Santa Maria C. V. - San Tammaro

Il giovane Paolo Busico è il sostituto di Tudisco

Paolo Busico SANTA MARIA CV. La nomina di Paolo Busico quale assessore alla Cultura ed allo Sport pone una pietra tombale sulla spinosa questione “Tudisco”.

Sebbene l’esautoramento del giornalista fosse ormai un fatto conclamato, la maggioranza consiliare solo negli ultimi giorni ne ha accelerato l’avvicendamento, in vista di un rimpasto di poltrone e dell’imminente approvazione del bilancio.

Paolo Busico, ventisettenne sammaritano, è risultato secondo alle scorse comunali per numero di preferenze nella lista civica “I Gladiatori” con 119 voti. Esponente di primo piano di quei “giovani per la politica” che sostenevano Di Muro, il suo curriculum recita “Brillante carriera universitaria presso la Facoltà di biotecnologie. Può vantare ruoli politici in ambito universitario, quale Consigliere di Facoltà e Consigliere di Amministrazione dal 2007 al 2010”.

L’allontanamento di Tudisco, alfiere giornalistico della candidatura dimuriana, era prevista già da lungo tempo. Solo un’opinabile strategia comunicativa dell’Udc Pasquale Rienzo ( aveva comunicato alla stampa di essere già stato contattato per la carica assessorile) e una presa di posizione popolare favorevole al “proprio assessore” da parte dei movimenti civici, avevano rimandato l’inevitabile. Tudisco aveva vanamente cercato conferme con le sue “quasi dimissioni” ma, dal momento in cui neppure il primo cittadino si era affrettato a ricusarle, il suo destino politico era segnato. Tutto ciò aveva attirato sul giornalista molte simpatie da parte dell’opinione pubblica ma anche trasversalmente ai partiti.

La saga dell’ ”uomo di fiducia” sedotto ed abbandonato, per ragioni di potere ed interesse aveva acceso i fari dell’opinione pubblica su una delle tante vicende anomale della politica cittadina. Forse è stata proprio questa pressione pubblica che è andata a rendere impopolare la decisione de “I Sammaritani” di staccare la spina all’agonizzante assessorato, protraendolo fino ad oggi. L’alternanza alla“Cultura”, tra chi cerca di allontanarne la responsabilità e chi la utilizza quale ragione di un cambio di casacca politica, rischia di svelare inoltre interessi reconditi in anticipo sul rimpasto di giunta, già ampiamente previsto. Sul giovane assessore con delega allo Sport, Cultura e Politiche Giovanili saranno quindi puntati tutti gli occhi.

Paolo Busico, che da sempre si è detto “disinteressato ad una ideologia partitica – ma allo stesso tempo – impegnato di fronte ai tanti problemi che affliggono la città”, avrà l’arduo compito di attuare i suoi propositi affrancandosi dalle politiche clientelari, se davvero intende dare seguito alle sue dichiarazioni. Nella città del Foro le politiche in tema culturale e turistico, per la loro importanza nel rilancio socio economico, dovrebbero avere linee programmatiche indipendenti da interessi partitici. La classe politica sammaritana, tuttavia, è molto poco riconoscente con i suoi accoliti. Tudisco l’ha imparato a sue spese, Busico forse già lo sa…

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico