Campania

Aiutarono il boss Iovine: in arresto intera famiglia

Antonio IovineCASERTA. Una intera famiglia è finita in carcere con l’accusa di aver favorito la latitanza del superboss dei casalesi Antonio Iovine, storica primula rossa del clan, arrestato il 17 novembre del 2010.

Si tratta di Angelo Borrata, di Casal di Principe (Caserta), 45 anni, di sua moglie Angelina Manfredi, 43 anni, della figlia Maria Borrata, 24enne, e della nipote Benedetta Borrata, 23 anni. Secondo gli elementi raccolti dalla Dda di Napoli, i Borrata si incontravano periodicamente con Iovine, lo ospitavano nelle proprie abitazioni, provvedevano alle sue esigenze, consentendogli così di continuare a esercitare la sua influenza criminale.

Iovine, latitante dal 1995, fu arrestato proprio nell’abitazione di uno dei Borrata, Marco, padre di Benedetta, per il quale si era proceduto subito all’arresto. L’uomo è stato già condannato a quattro anni e otto mesi di carcere. Le ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico dei suoi familiari sono state eseguite dalla squadra mobile di Napoli in collaborazione con quella di Caserta.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Parete, scontro tra auto in Via Amendola: due feriti. M5S interroga il sindaco su sicurezza stradale - https://t.co/SJdyYr3p4J

Gricignano, due africane tentano di "beffare" altri utenti alle Poste: scoperte, gridano al "razzismo" - https://t.co/YdOXwKsTpe

Viaggia senza biglietto e prende a pugni in faccia il capotreno: senegalese arrestato nel Casertano - https://t.co/LZ1ZQriibr

Teverola, "Festa di Sant'Antuono" tra fede e folclore - https://t.co/71qZqD8cYX

Condividi con un amico