Aversa

“Moscati”, cartello capovolto al reparto di Oncologia

 AVERSA. Singolare atto di vandalismo all’ospedale “San Giuseppe Moscati”. Vittima dello “scherzo”, messo in atto da ignoti, l’Unità Operativa di Oncologia situata al quarto piano della struttura.

Nel corso della notte mani ignote hanno capovolto tutti i cartelli indicanti le attività del servizio, cominciando dalla stanza del medico responsabile. Un atto segnalato immediatamente alla direzione del nosocomio che, pur avendo l’apparenza di uno scherzo goliardico, dopo le voci che con insistenza annunciano il trasferimento dell’oncologia dal “Moscati” al “Melorio” di Santa Maria Capua Vetere, dà spazio ad ipotesi fantasiose.

“Personalmente, – commenta Enrico Barbato, responsabile dell’unità operativa – non ho, né so avanzare alcun tipo di spiegazione ad un atto del genere. Posso solo osservare che sono state capovolte tutte e cinque le targhe relative all’oncologia, lasciando intatte quelle relative alla pediatria che pure è contigua alla nostra, fatta eccezione per la targa indicante il piano che riportando entrambi i reparti presenti al quarto piano vede a gambe in su anche la pediatria”. “Naturalmente – aggiunge – ho segnalato subito la cosa alla direzione ma non vorrei che questo gesto fosse significativo del futuro dell’oncologia”.

Futuro che aspetta chiarezza da una interrogazione rivolta al Governatore della Campania dal consigliere regionale dell’Italia dei Valori, Eduardo Giordano, che mira a conoscere il perché si intenda, se davvero si intende, trasferire l’oncologia al “Melorio” quando si era sul punto di dare il via alla realizzazione del laboratorio per la preparazione dei farmaci usati in chemioterapia (Umaca), ottemperando ad un obbligo di legge. Se l’oncologia venisse trasferita al Melorio di Santa Maria che senso avrebbe realizzare l’Umaca al “Moscati” o il presidio aversano perderebbe anche questo particolare servizio?

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico