Sant’Arpino

Capasso: “Sciogliere Unione dei Comuni Atellani”

Ernesto CapassoSANT’ARPINO. Il capogruppo consiliare di maggioranza santarpinese, nonché assessore designato in seno all’Unione dei Comuni denominata Atella, Ernesto Capasso, ritorna ad intervenire sullo stato attuale dell’ente sovracomunale.

“A distanza di pochi mesi – dichiara Capasso – sono mio malgrado costretto a ribadire alcuni concetti che ritengo fondamentali considerata l’inerzia atavica che caratterizza l’Unione dei Comuni. Torno a chiedermi e a chiedere a tutti quanti aderiscono a questa istituzione quale sia il senso di un organismo che ormai da anni non produce nulla in favore delle comunità amministrate. A questo punto, suggerisco al presidente di turno, il sindaco di Sant’Arpino, Eugenio Di Santo, di mettere in campo gli atti necessari affinché si arrivi nel più breve tempo possibile allo scioglimento dell’Unione”.

“Tutti noi – continua Capasso – dobbiamo prendere atto che si è perso quell’entusiasmo che aveva caratterizzato il primo periodo di vita dell’Unione, e che ormai da anni quello che abbiamo messo in piedi è un carrozzone incapace di apportare la minima progettualità amministrativa. Visto che non si ha la forza di rilanciare questo ambizioso progetto sovracomunale è meglio decretare la fine di questa esperienza. Lo dobbiamo in primis agli oltre settantamila cittadini dei comuni interessati, soprattutto in un momento come quello attuale di forte crisi economica e di tagli ai fondi degli enti locali. È assurdo continuare a tenere in vita una macchina burocratica, con i suoi relativi costi per dipendenti e strutture, incapace di produrre alcunché”.

“Sono consapevole – prosegue Capasso – che sciogliendo l’Unione decretiamo il fallimento di un progetto in cui tantissimi di noi avevamo creduto, per programmare il rilancio di un comprensorio come il nostro che essendo diventato un unicum anche dal punto di vista urbanistico, oltre che culturale, aveva bisogno di una guida amministrativa in grado di allargare gli orizzonti rispetto agli angusti confini dei singoli comuni. Scemando, purtroppo, l’interesse verso l’idea fondante dell’Unione, si è perso di vista questo ambizioso obiettivo ed è venuto meno la ragione fondante di questo organismo. Una classe dirigente seria, come tutti noi amministratori atellani ci proponiamo di essere, preso atto di questo stato di cose ne trae le giuste conseguenze che in questo caso non possono essere altro che lo scioglimento dell’Unione”.

“Ribadisco, dunque, l’invito al presidente Di Santo – conclude Capasso – di avviare l’iter burocratico per scrivere la parola fine su questa esperienza, dimostrando ai cittadini che in questo periodo di crisi le poche risorse economiche ancora ad appannaggio degli enti locali non vengono sperperati inutilmente”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

I familiari delle vittime innocenti di camorra si appellano a Salvini: "Calpestati i nostri diritti" - https://t.co/OD1hX1GgqI

Casaluce, la Pro Loco premia l'atleta Giovanni Improta - https://t.co/O3tRN9HOMC

Aversa, De Angelis: "In arrivo nuovi gettacarte lungo le strade" - https://t.co/nCfFNRtfHe

Bancarotta fraudolenta, arrestato l'immobiliarista aversano Giuseppe Statuto - https://t.co/Y9Z36RHdWQ

Condividi con un amico