Santa Maria C. V. - San Tammaro

Don Luigi Merola e Raffaele Cantone alla Libreria Spartaco

Don MerolaRaffaele CantoneSANTA MARIA CV. A vent’anni dalla strage di Capaci, la parola mafia assume ancora i contorni sfumati.

Per cercare di dare forma, di comprenderne i meccanismi e la repentina evoluzione a seguito di arresti eccellenti, la “Libreria Spartaco – Interno4” propone due appuntamenti irrinunciabili. Per la serie “Scrittori in carta ed ossa”, in via Martucci gli avventori potranno incontrare due personaggi che, in maniera diversa e da prospettive dissimili, hanno legato la propria vita alla lotta alle mafie: don Luigi Merola e il magistrato Raffaele Cantone. Si comincia con “A voce d‘e’ creature”, libro scritto da Marcello D’Orta, in collaborazione proprio con don Merola, che sarà presentato dagli autori mercoledì 16 maggio, alle ore 18.

Coordinati dal maestro-scrittore D’Orta, i ragazzi di don Luigi nei loro componimenti offrono uno spaccato della società e della camorra con i suoi valori e disvalori senza alcun filtro e reticenza. Il racconto della quotidianità in luoghi degradati del napoletano, visti attraverso gli occhi di un bambino,spoglia la realtà di ogni edulcorazione e ipocrisia, mettendo a nudo le brutture che i grandi vogliono sottacere.

“A voce d’e’ creature” non è solo un libro, è anche un’organizzazione senza scopo di lucro creata da Merola nelle terre di camorra. Con la sua onlus il sacerdote “toglie dalla strada”, letteralmente, i ragazzini a rischio, offre loro la possibilità di affrancarsi dalla criminalità e crearsi una vita lontana dalle mafie grazie al connubio tra attività ludico-artistiche e disciplina negli studi. Le facce della criminalità organizzata non si mostrano solo in relazione al disagio sociale e culturale, ma tracce dell’agire mafioso in economia ed in politica sono state a lungo studiate dal magistrato Cantone. L’appuntamento con lui e la sua ultima fatica letteraria, “Operazione Penelope”, è previsto per il 29 maggio, alle 18.

L’incontro-dibattito con l’ex pm della Dda di Napoli si arricchirà del contributo della professoressa del liceo “Nevio”, Laura Baldi, e della giornalista di Pupia e de Il Mattino, Mena Grimaldi. In “Operazione Penelope”, Cantone riscontra un’evoluzione della criminalità già paventata nei suoi “I Gattopardi”. Mafie sempre più pervasive, che non rappresentano ormai l’antistato ma una struttura di potere parallela ed a volte complementare alle istituzioni ed ai privati. Dal suo osservatorio privilegiato, il magistrato ha individuato,ad ora, nella” mafia dei colletti bianchi” il pericolo più grande. A tal proposito, viene da chiedersi: è possibile che la tela tessuta dalla giustizia sia disfatta da questo squadrone di professionisti che detiene il potere economico,politico finanche istituzionale? La lotta alle mafie troverà mai fine? Questi due appuntamenti, anche se di grande interesse, non forniranno la risposta a quest’interrogativo, lo sanno anche i ragazzi dello “Spartaco-Interno4”.

Tuttavia, il loro contributo alla causa della legalità si fonda sulla convinzione che conoscere, comprendere,confrontarsi e dare forma e sostanza al “nemico”, attraverso lo scambio di esperienze con chi vive quotidianamente la realtà della violenza mafiosa, sia una condizione essenziale. In questa guerra per la dignità umana nessuno può sottrarsi alle proprie responsabilità; bisogna essere partigiani. Se dopo vent’anni la vedova dell’agente Schifani, morto con Giovanni Falcone, denuncia l’assenza di cambiamento della gente verso il potere mafioso, nonostante le migliaia di arresti, d’imperi mafiosi caduti e di governi succedutisi, sorge il dubbio che in questo lungo periodo “la cosa peggiore non è stata la cattiveria dei malvagi, ma il silenzio dei giusti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico