Orta di Atella

Dal ‘900 ad oggi: mostra al centro studi “Stanzione”

 ORTA DI ATELLA. Venerdì 25 maggio, alle ore 20, al Centro Studi Massimo Stanzione, in via Mazzini 11, ad Orta di Atella, si terrà la presentazione della mostra pittorica dal titolo “Il Ritratto dai primi del ‘900 ad oggi”, curata dall’accademico Rosario Pinto.

La kermesse apre il nuovo ciclo legato agli eventi artistici che il Convicinio di Orta ha intrapreso, fondendo le varie discipline culturali sotto l’Alma Mater del Centro Studi ortese. La mostra pone in evidenza una delle manifestazioni artistiche più antiche nella storia dell’arte: il ritratto.

Nato dal mito greco della fanciulla, Corinzia, che straziata nel profondo della sua anima per la partenza del suo amato in guerra, provvide ad immortalare il ritratto del suo giovane seguendo il profilo dell’ombra del volto proiettata dalla luce del sole su un muro. La storia narrata prende spunto dal mito platonico della caverna, volendo simboleggiare che per gli antichi greci l’arte è lo specchio dell’anima. Da allora il ritratto è stato uno dei più importanti generi artistici, stimolando le capacità degli esecutori secondo un duplice indirizzo d’impegno creativo: quello della fedeltà alla fisiognomica e quello della interpretazione delle psicologie del soggetto ritratto.

Gli artisti partecipanti alla mostra sono: Elio Alfano, Giovanni Ariano, Silvano Battimiello, Renata Bocchetti, Antonio De Angelis, Domenico De Angelis, Ione De Rosa, Domenico Falace, Mario Falace, Renato Ianniello, Vincenzo Iodice, Luigi Grossi, Veronica Longo, Rosario Mazzella, Enrico Moletti, Sy O, Maria Petraccione, Salvatore Piccirillo, Filomena Proto, Alma Sauro, Lucio Statti, Gianbattista Visconti, Artisti ignoti, Renata Bocchetti, Vincenzo Iodice. L’apertura della mostra sarà ripresa dalle telecamere di Atella Tv e proiettata via etere nel web. Elemento ormai imprescindibile nella nuova era multimediale, che vede attraverso i nuovi social network la sinergica unione tra i vari centri di cultura del territorio atellano.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico