Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Tribunale, Tartaglione: “Necessaria unione tra forze del territorio”

 MARCIANISE. Nella giornata del 10 maggio, nella sala consiliare, su proposta del sindaco Antonio Tartaglione, si è tenuta l’assise monotematica per la salvaguardia della locale sezione distaccata del tribunale sammaritano, aperta ai parlamentari del territorio ed ai sindaci del comprensorio.

All’assemblea hanno preso parte: l’on. Gennaro Oliviero, consigliere regionale; il sindaco di Maddaloni, Antonio Cerreto; il sindaco di Macerata, Luigi Munno. Stefano Graziano e Edoardo Giordano hanno invece fatto sapere di non poter essere presenti, pregando di essere successivamente informati sull’esito del consiglio comunale. In rappresentanza della classe forense hanno invece partecipato: Gabriele Amodio e Pier Luigi Basile, ambedue componenti del consiglio dell’Ordine sammaritano; nonché Carlo Maria Palmiero, delegato dell’Oua (Organismo Unitario Avvocatura).

Inapertura dei lavori, prima di illustrare la proposta di delibera consiliare, il sindaco Antonio Tartaglione ha sottolineato: “Tutti quanti sappiamo bene che l’eventuale soppressione della locale sezione del tribunale di Santa Maria C.V. rientra nel piano della spending rewiew che sarà presentato dal governo alla fine del mese. Tutti sanno dunque che la decisione ultima sul foro marcianisano non spetta a noi. A noi spetta invece il compito di continuare strenuamente a perorare la causa della sua salvaguardia, evidenziando le ragioni per le quali la sua eventuale soppressione, consentirebbe sì un risparmio al governo, ma produrrebbe ulteriori rallentamenti nei procedimenti giudiziari, certamente iniqui e deleteri per un territorio come il nostro. Come ho avuto già modo di dire altre volte, non si tratta di questioni campanilistiche, ma della coscienza, derivante da un’approfondita conoscenza del territorio, che la soppressione della sezione distaccata marcianisana del tribunale sammaritano produrrebbe più svantaggi che effetti positivi. Fin da quando la soppressione è stata paventata, come sindaco, mi sono subito attivato, avviando continui contatti con il Ministero, con i rappresentanti dell’Ordine degli avvocati e con i responsabili del nostro foro. Dall’esito di tali contatti, ho ritenuto dapprima di dover revocare e poi di riprendere l’iter procedurale per il trasferimento del tribunale in una sede più adeguata. Il repentino cambio di governo, e le relative misure annunciate, hanno imposto un cambio di strategia. Ho voluto subito reincontrare la locale classe forense ed ho voluto fortemente questo consiglio comunale. Ma tutto ciò non basta. Per riuscire a fare sentire le nostre ragioni c’è bisogno di unione. C’è bisogno che le tutte le forze del territorio si uniscano, che vengano coinvolti i cittadini e che si sostengano le azioni della locale classe forense, al fine di adottare tutti i provvedimenti del caso per scongiurare la paventata soppressione”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, il sindaco Moretti in campo con la sua lista: "Ho già una rosa di 20 candidati" - https://t.co/h1LdDg6Iqh

"La Radiologia per il riscatto della Terra dei Fuochi": congresso medico a Marcianise - https://t.co/PkXp4V5sH9

Aversa, De Angelis: "Premieremo la classe più 'green' del Secondo Circolo" - https://t.co/KqdZecGGlW

Trentola Ducenta, Bottigliero presenta i candidati Catalano, Mare, Iuliano e Abate - https://t.co/X03vtirYsH

Condividi con un amico