Maddaloni - Valle di Maddaloni

Elettrodotto, protestano partiti e associazioni

 MADDALONI. La storia si ripete. Decisioni imposte dall’alto in danno dei cittadini di Maddaloni mentre l’amministrazione tace.

La regione Campania con delibera n. 218 del giorno 8/05/12 ha autorizzato la Terna Spa alla costruzione ed esercizio di un tratto di elettrodotto aereo a 150 kV per la connessione dell’elettrodotto a 150 kV ‘Airola’ Palo1alla Stazione Elettrica 380/150 kV di ‘Santa Sofia’. Cioè altri cavi ad alta tensione sulle teste di tanti concittadini e quindi nuove radiazioni elettromagnetiche. Purtroppo si dimentica che gli elettrodi ad alto voltaggio creano campi elettromagnetici che si estendono per diverse centinaia di metri scatenando differenti effetti, molto spesso nocivi, su uomini e animali e non a caso l’Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene l’inquinamento elettromagnetico una delle più gravi problematiche ambientali.
Alcuni studi epidemiologici indicano l’esposizione prolungata ad alti livelli di radiazione elettromagnetica quali si riscontrano in prossimità dei tralicci dell’alta tensione quale causa di maggior rischio di leucemia nei bambini. Già a partire dal 1979 le piu’ importanti riviste biomediche del mondo hanno cominciano a pubblicare studi epidemiologici e sperimentali che ipotizzano la nocività dei campi alternati emessi dalle linee elettriche.
Tutto ciò lascia del tutto indifferente l’amministrazione che accetta in maniera passiva ogni decisione imposta dall’alto in danno dei cittadini pur di garantirsi la propria sopravvivenza politico – amministrativa. Oramaiè chiaro che per l’amministrazione Cerreto e per la maggioranza che lo sostiene le problematiche ambientali e la tutela della salute dei cittadini hanno un ruolo marginale nelle scelte politico – amministrative.
Sicuramente, per costoro hanno più rilevanza, sfogliando i giornali e leggendo le varie dichiarazioni, i soliti giochi di potere e la spartizione delle poltrone su cui sedersi. Ed intanto ulteriore scempio ambientale si consuma nell’indifferenza e nell’ignoranza generale.
Particolarmente colpiti saranno, ovviamente, i concittadini di Via Cancello oramai completamente abbandonati dall’Amministrazione nonostante le tante promesse profuse in campagna elettorale e nonostante la caterva di voti ottenuti dall’attuale maggioranza senza i quali il sindaco Cerreto non sarebbe mai stato eletto. E pensare che via Cancello ha determinato la fortuna di tanti attuali amministratori, vecchi paladini di tante battaglie oramai dimenticate in nome del potere.
I sottoscritti hanno provveduto a presentare al Consiglio Comunale un ordine del giorno in cui si impone all’amministrazione comunale di impugnare la delibera della Regione Campania di autorizzazione alla Terna, ricercando anche il sostegno di consiglieri di maggioranza disponibili a cui si chiede un sussulto di orgoglio e di dignità nell’interesse dei nostri e dei loro figli. Se così non fosse ‘non ci resta che piangere’.

UDC Salvatore Mataluna

PD Angelo Tenneriello

IDV Aldo Tagliafierro

SEL Carlo Scalera

FEDERAZIONE DI SINISTRA Vittorio Garbo e Domenico Belcore

MEDICI PER L’AMBIENTEAlessandro Correra

COMITATO VIVIBILITA’ MADDALONIAntonio Cuomo

CIVITAS MADDALONIAlessandro Cioffi

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico