Lusciano

Lite con sparatoria: arrestato il figlio di “Peppinuccio”

 LUSCIANO. Al culmine di una lite, si arma di lupara e spara contro i contendenti. Solo il caso ha voluto che, nella tarda serata di martedì, una lite per futili motivi, davanti ad un bar di Lusciano, non si trasformasse in tragedia.

Uno dei giovani è rimasto ferito ad una gamba, l’altro è rimasto incolume. Presunto autore di questa azione, che potrebbe portare all’incriminazione per duplice tentato omicidio, Colombo Cristofaro, 26 anni, figlio di Giuseppe, alias “Peppinuccio”, boss degli anni ottanta, con implicazioni non solo nella malavita organizzata dell’agro aversano, ma anche napoletana, fratello, a sua volta, di Luigi, che fu sindaco socialista di Lusciano a cavallo tra gli anni ottanta e novanta.

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri del nucleo territoriale di Aversa che, agli ordini del colonnello Gianluca Vitagliano e del tenente Giuseppe Fedele, insieme ai militari della stazione di Trentola Ducenta, indagano sull’accaduto, la sparatoria si è verificata davanti un bar nella tarda serata di martedì. I giovani, secondo una prima ricostruzione, stavano trascorrendo, come d’abitudine, il loro tempo nel bar. Ad un tratto, per motivi che non sono ancora stati chiariti, fra i tre è scoppiata una lite al termine della quale Colombo Cristofaro è salito a bordo della propria vettura, ha raggiunto la propria abitazione. Qui si è impossessato di un fucile a canne mozze ed ha fatto ritorno sul luogo dove era avvenuta la discussione. I due amici erano ancora davanti al bar.

Il giovane li avrebbe affrontati lupara in pugno esplodendo loro contro diversi colpi di pallettoni. Uno è andato a segno colpendo L.V., del luogo, alla gamba destra, mentre il compagno è rimasto incolume. Immediatamente dopo Colombo Cristofaro si è reso irreperibile sino alla mattinata di ieri quando i carabinieri lo hanno individuato ed arrestato.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Roma, studente bocciato: il padre picchia docente di Aversa e tenta di strozzarlo - https://t.co/wUeYKqoOIX

"EsplorAversa Giocando", il primo gioco di società vivente con i bambini del 'Rousseau' - https://t.co/aanaIQPR7W

Frode informatica, il Tribunale di Napoli Nord assolve un uomo di Arzano - https://t.co/j6Az4WDyKc

Aversa, lutto nella parrocchia di Santa Teresa: muore la sorella di don Ferdinando Piatto - https://t.co/vbInbdcwzd

Condividi con un amico