Italia

Scandalo Vaticano, il Papa: “La casa fondata sulla roccia non cade”

Papa RatzingerROMA. “Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia”.

Il Papa ha usato questa citazione dal Vangelo di Matteo durante l’udienza ai circa 40mila di Rinnovamento dello Spirito, riuniti in piazza San Pietro per il 40esimo anniversario del loro movimento. E subito il pensiero è corso allo scandalo che sta scuotendo il Vaticano. “Non cedete” a “tentazione mediocrità, coltivate nell’animo desideri alti e generosi”, nella società “frammentata” e “senza punti di riferimento”, ha aggiunto Benedetto XVI, bisogna costruirsi “sulla roccia” della fede e della Parola di Dio.

“Nella società attuale – ha continuato nel suo discorso dopo il saluto di Salvatore Martinez, il presidente del movimento Rinnovamento nello Spirito – viviamo una situazione per certi versi precaria, caratterizzata dalla insicurezza e dalla frammentarietà delle scelte. Mancano spesso validi punti di riferimento a cui ispirare la propria esistenza. Diventa, pertanto, sempre più importante costruire l’edificio della vita e il complesso delle relazioni sociali sulla roccia stabile della Parola di Dio, lasciandosi guidare dal Magistero della Chiesa. Si comprende sempre più il valore determinante dell’affermazione di Gesù: ‘Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia’”.

Papa Ratzinger ha invitato inoltre a formare adulti cristiani. “Adulto, cioè maturo e responsabile – ha spiegato – può essere solo colui che si fa piccolo, umile e servo davanti a Dio”.

Festeggiato dai circa 40 mila di Rinnovamento dello Spirito, Benedetto XVI ha fatto un giro in papamobile scoperta in piazza San Pietro. Ovviamente al posto accanto all’autista, solitamente occupato da Paolo Gabriele, c’è un altro collaboratore. Il maggiordomo arrestato ieri è intanto trattenuto nella cella adiacente al Tribunale.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico