Italia

Napoli, falsi invalidi e camorra: 56 arresti

 NAPOLI. I carabinieri del comando provinciale di Napoli stanno seguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 56 falsi invalidi.

Sono accusati di truffa aggravata ai danni dello Stato, contraffazione di sigilli, falsità materiale e ideologica e distruzione di atti.Sequestrati 16 appartamenti, tre terreni, 170 conti e depositi bancari e 100 automezzi. A 52 indagati sono stati concessi gli arresti domiciliari; quattro sono stati chiusi nel carcere di Poggioreale.

Tra gli arrestatidue donne “eccellenti”, la moglie e la sorella del boss della camorra di Forcella, Raffaele Stolder. Dalle indagini, coordinate dal pm Giancarlo Novelli, è emerso che entrambe, da diversi anni, percepivano pensione di invalidità ed indennità di accompagnamento, perchè “affette da gravi disturbi psichici”.
A Patrizia Ferriero, moglie di Stolder, arrestata nei giorni scorsi per associazione camorristica, la misura cautelare è stata notificata in carcere. La cognata Assunta, invece, ha avuto il beneficio degli arresti domiciliari. Ferriero è la madre di Nunzia Stolder, eletta negli anni scorsi nelle liste del Pdl nel consiglio circoscrizionale del quartiere San Lorenzo Vicaria.

Durante gli arresti piccoli momenti di tensione. In un caso dal palazzo dove stava uscendo uno degli arrestati sono stati rovesciati secchi d’acqua su carabinieri, giornalisti e fotografi.

L’inchiesta ècominciata nel 2009, affidate alla sezione reati contro la Pubblica Amministrazione della procura della Repubblica di Napoli con un apposito pool costituito da tre magistrati. Fino hanno consentito l’arresto di 287 persone ed il sequestro di beni mobili ed immobili per un valore complessivo di oltre 10 milioni.

Le indagini che hanno portato agli arresti di oggi hanno permesso di verificare il coinvolgimento anche di persone collegate alla criminalità organizzata nella truffa ai danni dell’ Inps, facendo emergere l’ipotesi che i proventi delle false pensioni di invalidità possano costituire un ulteriore canale di approvvigionamento economico a favore di persone direttamente o indirettamente collegate a gruppi camorristici. Tale dato è stato confermato anche da una recente sentenza di condanna del Tribunale di Napoli a otto anni di reclusione di alcune persone – organiche ad un clan camorristico radicato nel centro storico di Napoli – arrestate nel febbraio 2011, che agivano quali procacciatori di falsi invalidi.

I destinatari della misura cautelare emesse dal gip sono persone che, mediante falsa documentazione, hanno indebitamente ottenuto pensioni di invalidità, comprensive di indennità di accompagnamento, causando all’Inps un danno di oltre 2 milioni di euro. Nel corso delle indagini si è verificato anche un tentativo di ostacolare l’attività degli inquirenti, realizzato mediante la distruzione di documentazione medica e amministrativa contraffatta. Rintracciato anche un legame tra persone collegate a clan camorristici e la truffa all’Inps: l’ipotesi è che il denaro proveniente dalle false pensioni potesse essere utilizzato per finanziare le attività illecite dei clan.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico