Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Giovane Italia: “Via Equitalia da Casapesenna”

Marco PiccoloCASAPESENNA. Altra iniziativa della sezione locale della Giovane Italia. Questa volta i giovani del Pdl puntano il dito contro Equitalia e chiedono alla commissione straordinaria che governa il Comune di Casapesenna di “licenziarla”.

Giovedì 31 maggio il dirigente provinciale e presidente della sezione di Casapesenna, Marco Piccolo (nella foto), insieme ai componenti dell’esecutivo Giuseppe Napoletano, Tommaso Fontana e Angelo Ardente, ha protocollato la richiesta nella casa comunale. I promotori dell’iniziativa spiegano: “Equitalia è attualmente causa di problemi economici di cittadini privati ed imprese. I metodi usati, i costi e gli interessi da essa applicata nella riscossione sono al limite dell’usura. Ovviamente con questo non vogliamo dire che evadere è giusto. Bisogna pagare sempre le tasse. Occorre però differenziare gli evasori dalle persone che hanno problemi oggettivi e non possono essere uccise dal fisco. Equitalia raddoppiando l’importo dovuto comporta l’aggravare la situazione economica di famiglie ed imprese. Il concetto è molto semplice, se una famiglia o un’impresa non riesce a pagare l’importo iniziale figuriamoci se sia in grado di pagare l’importo raddoppiato, se non triplicato, quadruplicato, eccetera. Inoltre il comune è obbligato a pagare delle provvigioni alla società per il servizio da essa svolto. La legge 388/2000, articolo 36 e la legge 106/2011, prevede che tutti i comuni possano esercitare la riscossione diretta dei crediti senza dover delegare Equitalia, la quale percepisce denaro dal comune per ogni singola operazione. ‘Licenziandola’ il comune ne trarrebbe un vantaggio economico, destinando i soldi risparmiati ad altre scopi, oltre a dimostrare solidarietà ai cittadini tartassati e perseguitati da Equitalia”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico