Campania

Ordigno con lettera di minacce: “Uccideremo Napolitano”

 Giorgio NapolitanoCASERTA. Allarme lunedì mattina a Castel Volturno, in provincia di Caserta. Ignoti hanno sistemato un ordigno costituito da una bombola di gpl collegata ad un rudimentale innesco, in una zona di campagna tra il vecchio cimitero e l’Isis Alberghiero, nella zona periferica del centro storico.

L’allarme, dopo le 8.30, è scattato quando un passante ha notato l’ordigno. Accanto un biglietto con una presunta rivendicazione di stampo anarchico-insurrezionalistico, con preannuncio di dieci attentati a Castel Volturno e volontà di uccidere una serie di istituzioni del Paese, a cominciare dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ed alcuni leader politici.

L’ordigno è stato dissinnescato dagli artificieri, indagano i carabinieri della compagnia di Mondragone alla ricerca di tracce per risalire agli autori, e soprattutto per capire la valenza della rivendicazione. Al momento non si esclude la tesi dello scherzo da parte di studenti non essendo il luogo del rinvenimento dell’ordigno lontano dalle scuole.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, la commercialista Giusy Affinito candidata di "Si Può Fare" - https://t.co/paj1XJKJKP

San Tammaro, 4mila pacchetti di sigarette nascosti in auto: 2 arresti https://t.co/T09Rjpf4Kj

Vitalizi, l'ex ministro Landolfi prende a schiaffi l'inviato di Giletti - https://t.co/KmgEeuDEsM

Berlusconi contro i 5stelle: "Nella mia azienda pulirebbero i cessi". Salvini: "Così si chiama fuori" - https://t.co/38Tq2r5FuO

Condividi con un amico