Campania

I 160 anni della Polizia: un pensiero alla strage di Brindisi

 NAPOLI. “Il difficile momento non induce a festeggiare”. Questa la riflessione del Questore di Napoli, Luigi Merolla, in occasione dell’anniversario dei 160 anni della fondazione della Polizia di Stato.

Riflessione che ha indotto a definire “celebrazione” e non “festa” la cerimonia che si è svolta nel Teatro San Carlo. E il pensiero, aggiunge Merolla, “va all’attentato alla scuola di Brindisi” avvenuto una settimana fa. Nel teatro, alla presenza delle autorità civili e militari, Merolla ha esortato la società civile e le istituzioni a fare sempre di più per “il contrasto alla criminalità organizzata e non solo quella”.

Settanta i poliziotti premiati, mentre prima dell’avvio della cerimonia sono stati ricordati gli agenti morti in servizio, con la deposizione di una corona d’alloro nel sacrario della Questura, da parte del questore e del prefetto di Napoli, Andrea De Martino. In platea saranno ospiti gli studenti di cinque scuole di Napoli e provincia e uno dei cinque istituti ha ricevuto un riconoscimento per il video con il quale ha partecipato a un concorso della polizia. In piazza Trieste e Trento, anche quest’anno sono stati allestiti degli stand per mostrare ai cittadini il modo in cui lavorano i poliziotti. Tra i più affollati, quello della Scientifica e dei cani antidroga.

“La polizia, insieme con tutte le forze dell’ordine, è un punto di riferimento”, ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, mentre alui si è associato il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, che ha detto “grazie” alla Polizia che lavora “per la sicurezza, la legalità, il controllo del territorio”.

Video

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico