Campania

Assegnati i premi letterari “Elsa Morante Ragazzi”

Elsa Morante NAPOLI. Apertura sulle note e con le parole di Giovanni Block per la 26esima edizione del premio letterario “Elsa Morante Ragazzi” tenutasi al Teatrino di Corte del Palazzo Reale.

Protagonisti di questo evento sono stati Teresa Buongiorno, Cecilia D’Elia e Peter Cameron, con i loro libri di successo, racconti che attraverso le parole e le domande della giuria, hanno rilevato un filo conduttore comune: l’importanza della storia. Dacia Maraini in qualità di presidente della giuria, ha sottolineato già in partenza questo aspetto presente, seppure in maniera diversa, in tutti e tre i libri vincitori. “Giovanna D’Arco, la ragazza dal vestito rosso”, “Nina e i diritti delle donne” e “Un giorno questo dolore ti sarà utile”.

Durante la manifestazione c’è stata anche la premiazione di Antonio Menna come vincitore della sezione speciale Morante – Nisida Roberto Dinacci, con il pungente libro “Se Steve Jobs fosse nato a Napoli”. I componenti della giuria erano Vincenzo Colimoro, Teresa Triscari, David Morante e la direttrice della manifestazione Tjuna Notarbartolo che non ha mancato di ringraziare il sindaco De Magistris per aver permesso lo svolgimento di questa sezione del premio “Elsa Morante Ragazzi” proprio a Napoli. Ed il sindaco ha anche premiato Peter Cameron complimentandosi con tutti per il loro lavoro, “l’importanza del libro è fondamentale” ha detto, e queste storie ci hanno fatto capire che “in tempi di crisi, il capitale umano è più importante di quello economico”.

Video

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico