Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Casapesenna, il comitato Liberi Cittadini: “Superato limite della decenza”

 CASAPESENNA. Gli attacchi spregiudicati e violentissimi, che da qualche giorno stanno piovendo addosso al nostro movimento spontaneo ad opera di Lello De Rosa e del suo amico, culminati in un suo ultimo comunicato stampa, impongono una risposta e una considerazione.

Dapprima la considerazione. Abbiamo rischiato di avere come Sindaco della nostra cittadina un personaggio del quale, come politico, dubito che sia all’altezza della normale comprensione di fatti, circostanze e sollecitazioni dialettiche provenienti dalla società civile che si apprestava a guidare come primo cittadino di Casapesenna. Per nostra fortuna ci ha pensato lo Stato a risparmiarci questa sciagura!
Abbiamo rischiato di avere come sindaco un individuo che non riesce a discernere che quando i massimi rappresentanti istituzionali del suo partito, di cui egli stesso è il segretario cittadino, gli dicono di farsi da parte, giudicando la sua candidatura come “inopportuna e sbagliata, poiché pienamente coinvolto nell’esperienza amministrativa di Fortunato Zagaria”, qualunque politico assennato si dimette immediatamente rimettendo le cariche nelle mani dei propri dirigenti di partito.
Finite le considerazioni adesso la risposta. Premesso che i nostri nomi sono tanto pubblici che siamo stati attaccati pesantemente e personalmente al punto da essere definiti pazzi nella pubblica piazza. Abbiamo fatto riunioni in luoghi pubblici insieme ad altri cittadini per costituire quello che per ora è solo un movimento spontaneo di cittadini.

La decisione di non firmare i manifesti non è quella di nascondersi dietro un anonimato che non c’è e soprattutto non fa parte della nostra storia umana e professionale, bensì è scaturita dal fatto che essendo un movimento spontaneo e non strutturato, mettere i nostri nomi avrebbe frenato le adesioni di altri semplici cittadini con la voglia di impegnarsi in politica per dire finalmente basta a questa cappa che ci soffoca.

Del resto, poi un politico consumato come lui che vive di stampa e letture di giornali dovrebbe avere letto dal Mattino del 2 aprile us. i nostri nomi e cognomi. Abbiamo sempre firmato le mail di accompagnamento fatte alla stampa. Bastava informarsi dai giornali o meglio ancora chiederceli direttamente inviandoci la richiesta alla mail (liberi.cittadini.casapesenna@gmail.com) presente nell’intestazione di ogni nostro comunicato.

Detto questo e in risposta a questi persistenti e violentissimi attacchi che hanno il sapore dell’intimidazione fatta per giunta da personaggi pubblici contro semplici cittadini, non resta altro da dire a questo signore, che di fronte alle allusioni e alle offese, non è solo noi che dobbiamo reagire ma tutta le persone perbene che ancora ci sono nel nostro paese.
Per parte nostra, considerato ampiamente superato il limite della decenza e della normale dialettica civica, comunichiamo a questo signore e agli altri che hanno offeso ed infangato la nostra onorabilità, la decisione di consegnare le carte al legale per valutare gli estremi per una azione civile e penale nei loro confronti.

Pasquale Cirillo
Nicola Diana

Ernesto Piccolo

Componenti “Liberi Cittadini diCasapesenna”

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico