Campania

Profanata la tomba di Don Peppe Diana. Furto anche in chiesa

la foto sul sepolcro di Don Peppe DianaCASERTA. Nella notte tra il 17 e il 18 aprile ignoti hanno profanato la tomba di Don Peppe Diana, il sacerdote ucciso dalla camorra il 19 marzo del 1994.

Rubata la “mano d’oro” donata da don Luigi Ciotti, patron di Libera, in occasione del 15esimo anniversario dell’uccisione del parroco, posta davanti al sepolcro nella cappella di famiglia. Un oggetto simbolo di libertà e di pace. I ladri, che per entrare hanno forzato la porta d’ingresso della cappella del cimitero di Casal di Principe, hanno portato via anche la pisside (oggetto che conserva le ostie consacrate) che Don Peppino utilizzava per celebrare messa.

A scoprire il furto sacrilego è stato il fratello del sacerdote, Emilio, recatosi al cimitero nella mattinata di giovedì 19 aprile. Sul posto i carabinieri e gli uomini della Scientifica che hanno avviato le indagini per risalire agli autori e al movente del furto: un atto vandalico o un’azione mirata? Il cognato di Don Peppe, ai microfoni di Pupia, esclude quest’ultima ipotesi.

Tuttavia, il dubbio resta per la strana coincidenza verificatasi nel pomeriggio quando nella chiesa di San Nicola di Bari, proprio quella di don Peppino, sono scomparsi un calice e una pisside: il primo si trovava sull’altare, l’altra nel tabernacolo, le cui chiavi erano nascoste sotto la bibbia sull’altare. Ad accorgersi dell’accaduto don Franco Picone, intorno alle 18, mentre si preparava per celebrare la santa messa.

A seguire le immagini…

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Mondragone, contrabbando di sigarette: revocati domiciliari a Caprio - https://t.co/HX26ZYBMGh

Condono, Salvini: “Verità agli atti, per scemo non passo”. Lo spread tocca i 340 punti https://t.co/hucibtPCtD

Casapesenna, processo Zara. Nicola Schiavone: "Fortunato Zagaria testa di legno del boss" - https://t.co/zCIAJK9ep3

Parma, sequestrato cantiere centro commerciale vicino aeroporto: 3 indagati in Comune - https://t.co/QEz7kiJNFV

Condividi con un amico