Campania

Napoli, riceve lettera di licenziamento: portiere si impicca

 NAPOLI. Aveva ricevuto una lettera di licenziamento e, nei prossimi mesi, avrebbe dovuto lasciare la casa dove viveva.

C’é, forse, tutto questo dietro il suicidio di un portiere, a Napoli. L’uomo, 55 anni, si è ucciso, impiccandosi, nella sua abitazione di corso Garibaldi.

Il portiere sembra che soffrisse di crisi depressive, anche a seguito della morte di sua madre e della separazione dalla moglie. Doveva lasciare l’abitazione dove viveva ad ottobre: giorni fa i proprietari avevano fatto un sopralluogo in virtù di tempi più ristretti della vendita.

“Dite a mamma che non posso più passarle l’assegno…”. Queste, secondo gli investigatori le ultime parole del portiere dette al telefono con uno dei due figli che vive al Nord, con l’altro fratello e con la madre, poco prima della decisione di togliersi la vita. Secondo quanto si è appreso, sabato scorso, dopo aver chiuso la portineria l’uomo si è suicidato.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Sant'Arpino, "Libera Mente" incontra i cittadini e raccoglie le loro istanze - https://t.co/zfduZefsZ9

Migranti "scaricati" al confine. Salvini: "Vergogna internazionale". La Francia: "Non lo faremo più" - https://t.co/3bVem0mHtU

Pompei, scoperta nuova iscrizione: l'eruzione a ottobre e non ad agosto - https://t.co/em7JOKvebA

Tap, il ministro Lezzi: "Troppo costoso fermarlo". Comitato: "Eletti M5S si dimettano" - https://t.co/cqu0GBJOyv

Condividi con un amico