Aversa

“Magia della luce”, mostra firmata Lupoli

Antonio e Susy LupoliAVERSA. Nuovo appuntamento d’arte firmato Lupoli. “Magia della luce, poesia del colore” è la nuova mostra pittorica di Antonio, Nicola e Susy Lupoli, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Aversa, …

… ed allestita dal 14 al 18 aprile, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 21, nell’Auditorium “Caianiello” dell’ex Macello di Aversa, in via Tristano. Le creazioni dei Lupoli, da poco ammirabili on line sul sito www.lupart.it e su facebook, riproducono sogni, città, paesaggi. Gli autori creano le opere restando saldamente legati alla realtà che li circonda, immersi come sono in attività altre rispetto alla pittura stessa. Le loro tele non sono simboliche, perché in essi non c’è la volontà del meta significato, anzi la cronistoria di un racconto. La pittura dei Lupoli narra una sorta di spazio libero, un’isola rifugio dove il pittore sceglie di essere se stesso, di farsi trasportare dall’estro, dai colori, dall’umore e dai ricordi.

Le nature morte, la città degli arazzi, i ritratti di donna, i paesaggi di campagna sono i temi ricorrenti fonte di ispirazione dei Lupoli. Te mi che appartengono alla vita, che la codificano e raccontano nella sua forma più sublime e gioiosa. Le opere, morbide e sanguigne, non sono frutto di sofisticazioni stilistiche dettate da tecniche di studio teorico. Sono piuttosto la fotografia realistica della realtà che la mano dipinge. L’emozione, la passione, il sentimento, i valori dei Lupoli sono gli unici strumenti che insieme a colori, tavolozze e tele guidano le pennellate.

Luciano De Crescenzo così parla delle opere di Antonio Lupoli: “Ho incontrato, in quelle immagini, una freschezza, una genuina partecipazione all’esistenza, un senso della vita come d’altri tempi … E’ questa forza quasi ancestrale che connota l’immediatezza di questa pennellata virile, decisa, ampia eppure centrata su una realtà minimalistica, di piccoli gesti della vita di ogni giorno … La pittura di Lupoli ha il sapore delle cose buone di una volta, come il pane caldo. E a chi non piace il pane appena uscito dal forno?”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico