Aversa

Capasso (Noi Aversani): “Mettere subito mano al Puc”

Rosario CapassoAVERSA. “La vera forza del nostro gruppo? La validità di impegni che non si esauriscono il 7 maggio, ma prenderanno concretamente avvio a partire dall’8 maggio”.

Rosario Capasso, consigliere comunale uscente, candidato nella lista “Noi Aversani”, a sostegno di Giuseppe Sagliocco sindaco, polemizza, ma con garbo e pacatezza, con gli altri schieramenti in lizza, mettendo in risalto come Aversa non sia “un piccolo centro e non può permettersi di affrontare piccole questioni”.

Quote rosa, sicurezza stradale, esigenze dei diversamente abili, urbanistica intelligente e niente cementificazione selvaggia: questi alcuni dei primi punti che snocciola Capasso, consapevole che “bisognerà mettere subito mano al Puc., così come andrà rivisitato e rimodulato l’ambito sanitario. Tutto ciò, però, a partire dall’8 maggio e non fino al 7 maggio: il tempo è sempre galantuomo, questo mi infonde serenità e fiducia”. Sagliocco ha già annunciato che intende governare la città di Aversa per un solo mandato, durante il quale vuole contribuire alla formazione e crescita di una nuova classe dirigente.

Capasso sposa in pieno la volontà del suo candidato sindaco: “Da anni Peppe Sagliocco è impegnato a fare politica ogni giorno dell’anno, feste incluse: i nostri giovani saranno fortunati perché impareranno tanto da una persona che io considero una grande palestra di formazione politica”. Ex Maddalena ed Ex Texas restano tra i temi più gettonati anche in questi ultimi giorni di campagna elettorale: “Guardi, a volte la sinistra dice cose sensate ma nel modo sbagliato: è giusto porsi delle domande, possibilmente con toni meno aggressivi e con un’altra predisposizione al confronto. Sull’ex Maddalena, ad esempio, dico la mia: sarebbe interessante immaginarvi un polo museale di grandissimo valore. Aversa possiede una storia e una cultura straordinarie, a questo proposito – aggiunge Capasso – non va trascurata l’attività della Fondazione Cimarosa, importantissimo volano artistico culturale per la nostra città. Sono queste le risorse che dobbiamo valorizzare e sfruttare per contrastare la crisi e incoraggiare il rilancio. Per farlo, in politica bisogna riscoprire valori fondamentali quali serietà, moralità e trasparenza: spero e credo che gli aversani premieranno una rappresentanza attiva fondata sulla qualità e sulla determinazione”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico